image_pdfimage_print

Un fantasma si aggira per l’Europa:
il GDPR, il nuovo Regolamento Europeo per la Protezione dei Dati Personali!

In questi giorni sui Social e sui giornali non si parla d’altro; molti professionisti sono confusi e preoccupati di cosa questo implichi per la loro attività quotidiana, e di come “mettersi a norma” (a volte, spendendo cifre importanti per servizi di “consulenza” che sono in realtà più o meno generici e standardizzati).

Ulteriore complessità deriva dal ritardo con cui in Italia è stato predisposto il Decreto che adatta il Regolamento Europeo al panorama normativo sulla Privacy già vigente.
Insomma, un quadro in cui lo psicologo libero professionista non sa bene come muoversi e cosa fare, ed il ritardo informativo di alcune delle nostre Istituzioni professionali non ha purtroppo aiutato.

Come AltraPsicologia / Diventare Psicologo continuiamo l’azione di informazione alla comunità professionale, iniziata in passato con i materiali sul Sistema Tessera Sanitaria; ed abbiamo lavorato per fornire alcuni “tool” utili agli psicologi per il GDPR, come sempre in maniera libera e totalmente gratuita.

Di seguito troverai una Guida al GDPR per psicologi, che ti spiega in maniera semplice e intuitiva tutte le novità della nuova normativa.

Compilando il modulo successivo, potrai scaricare un modello di consenso informato e un sintetico Registro dei trattamenti già impostato.

Prossimamente metteremo a disposizione anche un documento – template per al DPIA (Valutazione d’Impatto), con testi-guida specificatamente pensati per Psicologi (i link relativi nella Guida verranno aggiunti fra pochi giorni)…. e siamo al lavoro anche su ulteriori piccoli “Tool” informatici per semplificare certi adempimenti per chi ha blog e siti web.

La Guida sarà aggiornata ed integrata in itinere, con ulteriori modifiche, chiarimenti ed approfondimenti man mano che alcuni aspetti “interpretativi” saranno meglio definiti.
Segnalateci sul gruppo FB Diventare Psicologo ogni commento, dubbio, o richiesta di approfondimento.

E’ comunque una sintesi sufficiente per partire: l’abbiamo scritta in maniera semplice, simpatica e chiara, con un tocco di ironia per alleggerire una materia un po’ pesante.

Ricordiamoci  comunque un punto fondamentale: la GDPR NON è solo burocrazia.
La GDPR è un forte invito alla RESPONSABILITA’ DI CIASCUNO DI NOI DI TUTELARE LE STORIE DI VITA DEI NOSTRI CLIENTI. Come tale, è una responsabilità significativa del nostro ruolo professionale, non solo legale ma in primis etica e deontologica!
Buona lettura!