Home / Articoli / Guardiamo avanti? fare gli psicologi nell’epoca della Tessera Sanitaria.
Federico Zanon
Ho 40 anni, vivo a Padova e ho due figli. Da oltre 12 anni faccio lo psicologo. Ho lavorato nelle dipendenze e mi interesso di plusdotazione intellettiva nei bambini. Dal 2006 ho iniziato a occuparmi di politica professionale con Altrapsicologia, e da allora non l'ho più abbandonata. Mi sono interessato in modo particolare di previdenza, dal 2009 al 2013 sono stato consigliere di indirizzo generale ENPAP e dal 2013 sono vicepresidente dell'Ente. Sono diventato presidente di Altrapsicologia nel 2014.

Leggi tutti i suoi articoli (62)

Guardiamo avanti? fare gli psicologi nell’epoca della Tessera Sanitaria.

image_pdfimage_print

bimbe-orizzonte

In questi giorni mettiamo a disposizione, grazie al grande lavoro di Laura Salvai, l’ennesimo ‘manuale di istruzioni’ per far fronte alla nuova incombenza della Tessera Sanitaria.

Le mie critiche alla nuova incombenza le ho già scritte qui. Ma da settimane gli spazi di dialogo degli psicologi sono intasati di Tessera Sanitaria. Non sarà ora che guardiamo oltre?

Intorno a noi c’è una società che cambia. Grandi temi sociali sui cui gli psicologi non solo devono interrogarsi, ma anche assumere posizione. E più vicino a noi, una domanda e bisogni che cambiano nelle persone e nei gruppi.

Questo, e non certo il Sistema Tessera Sanitaria, condizionerà la nostra vita e la nostra professione.

L’indagine di mercato di ENPAP sul posizionamento della figura di psicologo in Italia ci restituisce cose interessanti.

Pare che i cittadini ci riconoscano come professionisti autorevoli, a cui rivolgersi con fiducia. Siamo nel cuore delle persone? E tutta questa fiducia come si traduce in domanda di psicologia? Come dovremmo muoverci come professione per avvicinarci ai cittadini?

Anche quest’anno i dati statistici raccolti da ENPAP ci raccontano che la nostra professione cresce in termini di volume d’affari complessivo. Eppure, il dato consolidato è che solo la metà dei laureati in psicologia entra appieno nella professione, e i redditi individuali spesso non sono soddisfacenti.

La psicologia allarga ogni anno il suo volume di fatturato complessivo, ma non riusciamo ad occupare dignitosamente tutti gli psicologi.

Sono dati che non sono sfuggiti ai maggiori quotidiani nazionali. Specie l’aumento del fatturato complessivo, perché in controtendenza rispetto ad altre professioni. Ma rischiano di sfuggire a noi.

Cosa farcene di queste informazioni? e di questa crescita ventennale della psicologia? come trasformarla – anche – in crescita dei redditi individuali? in aumento della nostra felicità professionale e personale?

Le ricette meccanicistiche basate sull’abbattimento controllato degli psicologi in sovrannumero non bastano, anche perché negli ultimi dieci anni il disegno strutturale e completamente sganciato da ogni considerazione di posizionamento professionale è stato la moltiplicazione delle sedi di corso di laurea in psicologia.

E non basta nemmeno conoscere quello che i cittadini pensano di noi: la ricerca ENPAP per la prima volta tenta di raccontare ‘come ci vedono gli altri’, ma di certo non può indicarci la nostra strada di mattoni gialli.

La nostra strada di mattoni gialli dobbiamo farcela da noi. Dobbiamo occuparci, tutti e non solo chi sta nelle istituzioni, del nostro bene più prezioso: la professione. Questa cosa strana che ci dovrebbe dare da mangiare (al minimo), ma dovrebbe pure renderci un po’ più felici di stare al mondo e dare il nostro contributo.

E questo lo possiamo fare se usciamo dai nostri studi. Se oltre all’ordinaria e fastidiosa burocrazia, e alla lotta quotidiana per sviluppare la nostra personale attività, iniziamo ad occuparci dell’ecosistema in cui operiamo, della nostra comunità professionale.

A partire dalle nostre istituzioni: Ordini ed ENPAP. Ponendo fine all’epoca feudale delle regalìe, del clientelismo e dell’indifferenza e iniziando a fare sul serio.

Compila i campi di seguito per rimanere aggiornato sulle attività di AltraPsicologia.

Cliccando sul bottone “ISCRIVIMI ALLA NEWSLETTER” dichiari di aver letto ed accettato le Condizioni Generali di Servizio e la normativa sulla Privacy.


2 commenti

  1. Rosalba Anfosso Boscolo

    Vero Federico, siamo nel cuore delle xsone,ormai quando dichiariamo la professione la gente non fa battute semi-scherzose del tipo (allora devo stare attento che mi psicoanalizzi) piuttosto ci guardano con ammirazione e aggiungono ” lei fa un bellissimo lavoro, chissà quanto è difficile ma chissà quante soddisfazioni ” Hai ragione anche nel rilevare che è necessario fare di più , già moltissimo viene fatto, la divulgazione ad esempio, ma un’azione più forte, più riconosciuta a livello ufficiale forse il ns lavoro la meriterebbe. So che è futurista il mio pensiero ma continuo a pensare ad uno “psicologo di base” esattamente come il medico di base, non sarebbe così inutile, uno psicologo che sappia ascoltare, fare un primo interverremo e poi smistare agli specialisti, esattamente come fa il medico che ti visita e poi ti invia al collega cardiologo. Ma ancora di più: pensare ad un breve percorso di analisi di un anno x tutti, a tappeto, alla fine delle scuole medie, una volta c’era il servizio militare obbligatorio, xche non sostituirlo!

  2. Rosalba Anfosso Boscolo

    Errata corrige ovviamente non “interverremo ” ma “intervento “

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*