Home / Articoli / Sistema Tessera Sanitaria: tutto quello che avete osato (e non osato) chiedermi!
Laura Salvai
Sono un'appassionata di storie: ascoltarle, leggerle, guardarle e raccontarle. Sono un'accanita lettrice e cinefila, e utilizzo il metodo narrativo anche nella pratica clinica e in ambito formativo. Scrivo sul blog del mio sito e sui miei gruppi Facebook "Psychofilm", dedicato al cinema e alla psicologia, e "Psychosongs", dedicato a musica, canzoni e psicologia, gruppi che vengono ogni giorno visitati da tantissime persone, che con i loro contributi, commenti e idee mi aiutano a fornire e sviluppare molti spunti di riflessione. Sono Psicologa, Psicoterapeuta e Sessuologa Clinica e come libero-professionista esercito presso il mio studio privato a Pinerolo (TO). Mi occupo anche di politica professionale e di deontologia, l'altra mia grande passione, recentemente scoperta nello svolgimento dei miei ruoli di Consigliera dell'Ordine degli Psicologi del Piemonte, e poi come Coordinatrice della Commissione Deontologica e Referente Regionale della Deontologia per il Consiglio Nazionale dell'Ordine degli Psicologi. Diffusione dell'informazione, condivisione, partecipazione e appartenenza sono per me aspetti fondamentali, in linea con le caratteristiche e gli obiettivi di AltraPsicologia.

Leggi tutti i suoi articoli (11)

150 commenti

  1. Avendo chiuso p.iva a giugno posso comunque registrarmi al sistema tessera sanitaria?

    • Se hai fatturato devi iscriverti e mandate i dati delle fatture dal 1 gennaio a giugno.

    • Ho chiuso partita Iva quattro anni fa ma mi è capitato di sporadicamente di seguire alcune persone per brevi periodi. Ho emesso prestazioni occasionali che i pazienti hanno potuto sempre scaricare come spesa sanitaria. Senza partita Iva non posso accreditati in alcun modo? E se non posso come mi dovrò comportare con gli eventuali futuri pazienti?

      • Mi risulta che per noi non sia possibile la prestazione occasionale in quanto l’attività di psicologo presuppone l’iscrizione ad un ordine ed è pertanto
        attività “professionale”. In aggiunta le prestazioni occasionali non possono essere esercitate con continuità. Quindi prova a verificare. Per quanto riguarda il Sistema TS la partita IVA è un dato obbligatorio per cui non è possibile accreditarsi ed inviare dei dati senza.

      • Secondo il ministero dell’Economia c’è l’obbligo della partita Iva, a prescindere dalla durata e dal compenso, se l’attività rientra tra quelle tipiche della professione per il cui esercizio è prevista l’iscrizione ad un albo per cui tutti i compensi sono considerati redditi di lavoro autonomo, soggetti all’obbligo dell’apertura della partita Iva.
        Lo stabilusce la nota n. 4594 del 25 febbraio 2015 del Ministero dell’Economia e delle Finanze. Questo è quanto so io ma verifica anche tramite un quesito al tuo Ordine o all’ENPAP.

      • Grazie, ora ho chiara la situazione.. La ringrazio soprattutto del riferimento legislativo.

  2. Ancora con psicologhe che fanno prestazioni occasionali in barba alla legge….siamo proprio messi male!

  3. CIao Laura, e grazie per i sempre preziosi contributi. Ti domando: altrove ho trovato, per quei pazienti che si opporranno all’invio dei dati, l’indicazione di apporre in fattura la seguente dicitura: “Il paziente si oppone all’invio dei dati al Sistema TS ai sensi dell’art.4 del DM 16.09.2016”. Considerando che in quest’articolo si fa riferimento ad un art. e ad un DM diversi mi domandavo quale fosse la dicitura corretta. Grazie.

    • È l’art.3. Comunque quando hai questi dubbi è sufficiente che tu vada a leggere cosa dice il DM all’art.3 e all’art.4.

    • Perdonami Marcello ma ho letto velocemente e non ho visto che citavi l’altro DM. Su quello del 16.09 all’art.4 si dice in pratica che è applicato ciò che si dice all’art.3 del DM 31.07. Quindi non è scorretto. Però è l’art.3 del DM precedente a riferirsi direttamente alla questione.

  4. Ho postato lo stesso commento altrove perché vorrei essere sicura che qualcuno lo legga. A me sta succedendo questo: cerco di registrarmi sul sito del sistema tessera sanitaria ma cliccando sul link di registrazione i browser che uso (Firefox o Chrome) si bloccano e non aprono la pagina dicendo che la connessione non è sicura e che i dati immessi potrebbero essere sottratti da malintenzionati. Ovviamente a questo punto io mi fermo (e tralasciamo l’aspetto paradossale del dovere immettere dati sensibili in una connessione non protetta). A qualcun altro succede?

    • Prova ad usare Internet Explorer . Alcuni hanno avuto problemi con l’utilizzo di altri browser. Io mi sono registrata da Chrome e non ho avuto problemi ma fai questo tentativo. Calcola anche che magari in certi momenti è solo una questione di tilt da eccessive richieste. Prova con Explorer e se non va prova in altri momenti della giornata.

      • Ciao, grazie per la risposta. Non ho explorer, ho riprovato varie volte con i miei due browser e la cosa si ripresentava; alla fine… ho corso il rischio e ho deciso di procedere comunque. Pare sia andato tutto bene, aspetto le credenziali.
        Grazie infinite per l’immenso lavoro che stai facendo, non ti immagini quanto possa essere utile trovare qualcuno che si occupi di sintetizzare una materia che dire ostica è dir poco, vista la totale incomprensibilità dei testi di riferimento.

    • Se l’operazione è andata a buon fine devi ricevere sulla pec il n.di protocollo. Grazie, felice di essere stata utile.

  5. Chi è iscritto all’Ordine ed ha la partita iva ma non è iscritto all’Enpap (nel mio caso, ho dovuto cancellarmi, e spero di potermi iscrivere nuovamente), deve accreditarsi al Sistema TS?

    • Se si ha P.IVA e si fattura, è necessario essere iscritti all’ENPAP e versare i contributi. La questione ENPAP non ha a che vedere con il STS, che è una cosa a parte. Però ripeto, dato che se si ha partita IVA e si fattura, sia che le fatture siano sanitarie o no, bisogna essere iscritti all’ente di previdenza. Per il sistema STS invece occorre richiedere l’accreditamento entro il 31.10 se si sono emesse fatture nel 2016 o se si pensa di emetterle entro la fine dell’anno e trasmettere solo i dati dei documenti fiscali di tipo sanitario (quindi solo quelli detraibili) al Sistema entro il 31.01.2017.

      • Sì, ho capito. Quindi, anche se io non ho fatturato niente (per questo mi sono cancellato dall’Enpap), essendo iscritto all’Ordine ed avendo la partita IVA, devo richiedere l’accreditamento nella previsione che magari entro la fine dell’anno fatturerò qualcosa (e quindi poi chiederei di nuovo l’iscrizione all’Enpap).

    • Esatto. Se poi non fatturi non mandi niente.

  6. Ciao Laura, grazie infinite per tutte le informazioni!Mi chiedevo però, se si è un nuovo professionista e si apre partita Iva dopo il 31 ottobre, è ancora possibile registrarsi al sistema tessera sanitaria!?o poi per i nuovi sarà un problema accedervi!? ringrazio in anticipo e spero il mio dubbio non sia banale!

    • Per la registrazione al STS è necessario avere la P.IVA. Ovviamente ci saranno delle nuove aperture di attività nei prossimi anni, per cui è abbastanza intuibile che ci si potrà registrare al sistema anche successivamente e che questa scadenza sia relativa all’esigenza da parte dell’AdE di effettuare i controlli, dare gli accreditamenti e ricevere i dati delle fatture in tempo utile per la prossima dichiarazione dei redditi 2017 relativa al 2016.

    • Vedi la mia risposta sopra. No nessun dubbio è banale. Comunque molte delle domande che mi state facendo hanno già risposta nell’articolo con le FAQ. Leggetelo con attenzione e possibilmente ponetemi solo i quesiti che non mi sono stati fatti. Grazie per la collaborazione.

  7. Buongiorno Laura, grazie per il lavoro che stai facendo.
    Sono psicologo dirigente in ASL e faccio libera professione intramoenia, quindi senza partita IVA. Immagino perciò di essere esentato da tutto questo baillame ma vorrei una conferma da te. Grazie
    Maurizio

    • Buongiorno Maurizio. La partita IVA è un dato essenziale per l’accreditamento al STS. Inoltre l’attività intramoenia a livello fiscale è equiparata ed assimilata al lavoro dipendente. Gli psicologi che lavorano come dipendenti non hanno nulla da comunicare al STS. Buon lavoro!

  8. Gentile Laura,
    sono laureata in Psicologia, ho svolto il tirocinio ma non mi sono iscritta all’Albo degli Psicologi perchè la mia attività prevalente non è di tipo psicologico. Ho una partita iva e verso alla gestione separata INPS. Occasionalmente svolgo attività di formazione e consulenza nell’ambito dell’orientamento professionale nei confronti di aziende e singole persone. Io dunque non erogo nessuna prestazione di tipo sanitario. Ma mi sorge un dubbio: per questa nuova legislazione l’orienttamento professionale come viene inteso? Una consulenza di orientamento professionale a un singolo rientra tra le prestazioni sanitarie? Grazie

    • Gentile Alice, tutte le risposte le trovi nella tua prima frase. Il DM prevede che GLI PSICOLOGI si iscrivano al STS. Se non sei iscritta all’Albo non sei una psicologa, ti manca infatti uno dei requisiti fondamentali previsti dalla nostra legge di Ordinamento Professionale n.56/1989.
      Pertanto non puoi e non devi esercitare attività sanitarie o definirti psicologa, finché non sarai tale e non puoi di conseguenza iscriverti al STS.

  9. Daniela Scanzani

    Ciao, io sono una Psicologa del lavoro, libera professionista a partita IVA e non ho PAZIENTI, faccio fatture per attività di formazione, selezione, valutazione, etc…mi devo iscrivere anche io? Grazie

    • Non hai dati da comunicare, dunque per il 2016 se non emetti fatture sanitarie. Sei iscritta all’Albo? Perché molti laureati in psicologia del lavoro non lo sono (peccato). Nel caso vale quanto risposto sopra ad Alice.

      • Cristina De Biasio

        Ciao, ho un dubbio tardivo: sono psicologa iscritta all’albo, titolare di partita iva, ma in 25 anni di attività non ho mai emesso fatture sanitarie (ed escludo di farlo in futuro). Mi occupo di testing e selezione del personale e i miei clienti sono aziende. Avevo valutato di non dovermi iscrivere al sistema ma leggendo quanto sopra mi è venuto il dubbio che il solo fatto di essere iscritta all’albo mi obblighi a farlo. Che ne dici? Grazie per l’ottimo lavoro svolto.

      • Laura Salvai

        Siamo a fine novembre e l’iscrizione andava fatta prima. Se ti fossi iscritta comunque non avresti avuto dati da inviare per il 2016 non svolgendo prestazioni a persone fisiche e di tipo detraibile. Comunque una telefonata al numero verde per questi dubbi ci sta. Sarà ancora possibile accreditarsi in futuro per chi ad esempio aprirà partita Iva. Quindi questo non è il punto di non ritorno. Però ripeto, chiedete al numero verde per tutti i dubbi personali specifici. Sono lì per quello.

    • Cristina De Biasio

      Ciao, volevo solo condividere questa informazione. Rispetto all’iscrizione degli psicologi iscritti all’albo e titolari di partita iva che NON hanno come clienti persone fisiche e NON svolgono prestazioni detraibili (sanirarie), al numero verde mi hanno risposto che l’obbligo NON sussiste.

  10. Ciao, ho solo un dubbio.
    L’importo da dichiarare deve essere comprensivo anche del 2%?
    In fase di dichiarazione annuale non va presentato.
    Grazie.

    • Sì. Devi inserire l’importo totale pagato dal paziente comprensivo del 2% e della eventuale marca da bollo, se la addebiti a lui. È giusto infatti che lui si possa scaricare tutto quello che ha pagato.

  11. Roasalba Anfosso Boscolo

    Quando sono i paz ad aggiungere la marca da bollo io devo comunque registrare la cifra comprensiva diella stessa, vero?
    grazie

    • Sulla fattura va inserito tutto quello che paga il paziente. Fai attenzione però. È meglio che la mdb la metta tu per 3 motivi: il primo è che il paziente potrebbe non metterla; il secondo è che il paziente potrebbe acquistare la mdb dopo la data di emissione della fattura e ciò sarebbe irregolare e sanzionabile (la mdb deve avere data di emissione precedente o uguale a quella della data di emissione del documento fiscale); il terzo è che devi indicare sulla tua copia il n.di ID della marca da bollo oltre a scrivere “imposta di bollo assolta sull’originale”. Leggiti il mio precedente articolo riguardante tutte le regole per la mdb.

      • Rosalba Anfosso Boscolo

        Grazie Laura è vero che devo richiedere al tabaccaio che mi fornisce la marca la lettera che riporta il n delle stesse, il costo totale e tanto di timbro? P.S non ricevuto la risposta via email tutto regolare o ho sbagliato qualcosa? Grazie ancora ci fai risparmiare telefonate e soldi ai ns commercialisti

      • Ada Moscarella

        Per le domande specifiche di natura fiscale c’è sempre il servizio gratuito di consulenza di ENPAP: si manda una mail e nel giro di una giornata al massimo ti rispondono. E’ efficientissimo e comodissimo.
        Per quanto riguarda la mail, intendi quella della registrazione al sistema ts?

  12. ciao e grazie di questo utilissimo articolo.
    Ho una domanda: nel compilare la registrazione al sistema TS, alla voce FINE (posta subito dopo la data di iscrizione all’albo) credo di aver inserito una data casuale tipo 31-12-2016 perchè purtroppo non avevo capito a cosa si riferisse. Ho comunque completato la registrazione e subito dopo ho ricevuto la PEC che mi confermava l’avvenuta “presa in carico”. però poi non ho ricevuto più nulla, cioè nessun PIN per cominciare a caricare i dati.. non vorrei dipendesse da quella data posta nel campo FINE… cioè non vorrei che il sistema avesse “pensato” che tanto, vista la data del 31-12-2016 , non ero tenuto ad inviare nulla.. eventualmente, a chi potrei rivolgermi, on line, per correggere quel dato?
    grazie

    • Credo tu ti riferisca al campo che non era obbligatorio ma andava compilato solo in caso di cancellazione dall’albo. Se ad esempio ti fossi cancellato dall’albo al 31.03 dovresti comunque inviare i dati delle fatture sanitarie per il primo trimestre del 2016, infatti.
      Il fatto che non ti siano arrivate le credenziali non dipende da quello, non le ha ancora ricevute nessuno a oggi. Ti conviene però chiamare il numero verde dell’assistenza STS 800030070 e spiegare l’errore. In genere rispondono in modo chiaro ed efficiente e dato che mancano alcuni giorni alla scadenza può darsi ti cancellino l’operazione e ti permettano di reinserire i dati. Chiama subito però. Ci potrebbe infatti essere un problema di non corrispondenza con i dati dell’Albo che potrebbe causare la non accettazione della richiesta.

  13. Paolo Baldinotti

    Salve Laura, grazie innanzitutto per il prezioso aiuto che ci dà. Io ho chiesto l’accreditamento al Sts e sto aspettando le credenziali per iniziare ad inviare i dati. Ho cominciato ad informare i miei pazienti e mi è stata fatta questa legittima domanda: “A me il 730 me lo compila l’azienda per cui lavoro. Se ti faccio inviare i dati, il commercialista dell’azienda può vedere il tipo di prestazione sanitaria che hai svolto (ad es. seduta di psicoterapia)? Perché io non voglio che lui o altri dell’azienda vengano a sapere che vado dallo psicologo.”
    Grazie anticipatamente
    Buona giornata
    Paolo Baldinotti

    • Ciao Paolo. La prestazione dovrebbe essere indicata in via generale come spesa sanitaria ma attendiamo ci arrivino le credenziali per verificare che ciò sia stato confermato. In ogni caso il paziente ha varie modalità per esprimere la sua opposizione direttamente all’Agenzia delle Entrate (via mail, telefono, di persona). Le modalità sono indicate al fondo del mio vademecum pratico.

  14. Grazie mille per il lavoro che hai svolto: prezioso e chairissimo! Grazie ancora

  15. Antonio Amatulli

    “Lo psicologo non psicoterapeuta fa consulenza psicologica e sostegno, e non terapia, ma emette comunque ricevute sanitarie, esenti IVA. Pertanto anche queste devono essere fatte confluire nel sistema.”

    FALSO

    Sostegno, riabilitazione e abilitazione sono vere e proprie attività terapeutiche, quindi terapia. Ottengono cambiamenti, sono prestazioni sanitarie, é terapia. Non fa PSICOterapia, essendo un titolo ottenibile previa formazione specifica. Prego correggete.

    • Che bello…dopo tanti giorno solo io e sts e solo sts ed io a rileggere ossessivamente per cercare errori finalmente mi è arrivato un aiuto a cercare i refusetti. In effetti ho scritto psicoterapia nella domanda e poi nella risposta solo terapia.
      Per fortuna la cosa non distorce il senso di ciò che volevo dire, e cioè che anche lo psicologo non psicoterapeuta deve inviare i dati.
      Grazie per l’attenta lettura comunque e se vuoi farti un altro giro certamente qualche refuso c’è ancora, ma io non li vedo più ormai.

  16. Grazie mille per l’articolo, ottimo, chiarissimo ed esaustivo.

  17. Cara Laura, ho scorso il tuo articolo fermandomi solo sugli argomenti che mi potevano interessare, ho effettuato l’accesso, ho fatto la registrazione in un attimo! taaaccc ! Come pic indolor … 😉 già fatto!
    Impeccabile davvero. Come Altrapsicologia 😉
    Grazieeeeee !

  18. Grazie!!! Indicazioni chiarissime! Ho appena iniziato la procedura e mi è arrivato il numero di protocollo tramite pec! ottimo servizio!

  19. Buongiorno, studiando un po’ meglio come muovermi per la trasmissione al STS, ho preso nota anche della dicitura da inserire in fattura, relativa all’eventuale opposizione da parte del paziente. Nel caso di fattura intestata a minore di anni 16, l’opposizione (a quanto ho capito) viene esercitata dal tutore/legale rappresentante. Quale dovrebbe essere la dicitura da apporre in tal caso? Non so se mi capiterà, comunque meglio prepararsi! Grazie.

    • Non credo la dicitura cambi. È sempre il paziente ad opporsi, o personalmente o per mezzo della persona che ha la responsabilità genitoriale o la tutela su di esso. Come il consenso alla presa in carico. Ma per queste cose particolari puoi chiedere eventualmente direttamente all’Agenzia delle Entrate. Non ho trovato indicazioni specifiche in merito.

  20. Roasalba Anfosso Boscolo

    Mi rimandate x favore il link del video x la procedura dell’inserimento dati dei paz? me lo sono xso ahimè!!
    Mi è sorto un dubbio… se il sistema è della TS noi non dobbiamo riportare il numero della TS e non del Cod. Fisc?
    ancora una cosa:
    ho un paz con parente commercialista che gli tiene la contabilità, lui non vuole far sapere dell’analisi in corso, gli ho suggerito di seguire il procedimento diretto x l’opposizione attraverso l’AdE è corretto? mi sapete dire se è una lunga pratica, si può fare sul pc?
    grazie tante

    • Non so a quale video ti riferisci, in quanto qui non è stato pubblicato nessun video.
      Comunque ci sono ancora 3 mesi per inserire i dati e appena arriveranno gli accreditamenti darò nuove istruzioni per la compilazione.
      Per il dubbio che ti poni ti faccio una domanda: sulla fattura che fai ai pazienti metti il numero della tessera sanitaria o del codice fiscale? Le fatture dobbiamo registrare… credo di averlo spiegato bene negli articoli. L’unico dato della ts che chiedono è dello psicologo richiedente in fase di auto-accreditamento.
      Per l’opposizione all’AdE trovi tutto di nuovo negli articoli. N.di telefono, ecc.anche il modulo.

  21. Attenzione!
    Se avete sfortunatamente dei browser aggiornati il sistema NON vi permette di effettuare la registrazione.
    Ho provato con internet explorer, mozilla e Chrome.
    Ho appena avuto una spiacevole conversazione con il call center (il quale alla fine mi ha attaccato il telefono in faccia) dicendo che il problema era mio e che dovevo installare sul mio pc dei software vecchi.
    Ho allora chiesto gentilmente di avere un indirizzo pec a cui segnalare il fatto che non sarei riuscita a effettuare la registrazione nei tempi previsti e la risposta seccata è stata “no, io per questo motivo la pec non gliela do”
    No komment

    • È strano perché sono sempre stati disponibili al call center. Non vorrei essere stata in loro, però, in questi giorni.
      In effetti Chrome e altri browser hanno dato dei problemi ad alcuni in fase di registrazione e da molto tempo il call center diceva di provare con Internet Explorer. Può darsi che ieri essendo l’ultimo giorno il sistema sia stato inondato dalle richieste dell’ultimo minuto. Io per esempio mi sono registrata da Chrome senza problemi.
      Prova a richiamare domani e chiedere se puoi ancora effettuare la registrazione anche dopo la scadenza del 31 ottobre, dato che non sei riuscita.

  22. Ciao Laura, in alcune fatture ho detto al paziente di mettere lui il bollo, ora però con questo discorso delle date non concordanti potrebbero esserci problemi. Come potrei fare,? Anche perché se cancello e gliele rifaccio vado a sfasare la numerazione di quelle che ho già emesso.
    Grazie
    Fabio

    • Se fossi in te non farei niente. Non sai se hanno messo dei bolli con data posteriore e se anche lo avessero fatto se ci saranno controlli e se ci saranno controlli non credo ci siano sanzioni terribili.
      Da adesso in poi provvedi tu a inserire la mdb e stai sereno.

  23. Buongiorno Laura! Mi unisco ai numerosi ringraziamenti ricevuti per il lavoro svolto: GRAZIE!
    Io mi occupo di età evolutiva e tratto esclusivamente minori. Le fatture le intesto ai bimbi/ragazzi dal momento che la prestazione viene erogata a loro. La comunicazione al sistema T.S. funziona nello stesso modo oppure sono necessarie ulteriori autorizzazioni, consensi ecc… da parte dai genitori? E anche il diritto di opposizione è lo stesso (come hai chiaramente spiegato, da inserire in fattura o eventualmente il genitore contatta AdE ecc…)?
    Grazie

    • Nel sistema devi inserire la fattura così come l’hai emessa, quindi con il cf di emissione. Se sono dei bambini informa i genitori sul diritto di opposizione e fai allo stesso modo. Anche loro devono rivolgersi all’AdE per il pregresso.
      Per i minori io di solito fatturo ai genitori, inserendo nel testo della fattura che ho fatto il colloquio con il minore tal dei tali indicando anche il suo c.f. (sempre nel testo). Infatti il mio commercialista mi ha detto che si fattura a chi paga la prestazione. In questo modo se i genitori vogliono dividersi la spesa (es.perché separati) perchè pagano un po’ a testa lo possono fare.

  24. Grazie per le tue spiegazioni e risposte. Il mio problema è che non ho richiesto le credenziali e il 31/10 è già passato, posso farlo ora o il sistema é già chiuso? Avrò delle sanzioni?

    • Ho avuto notizia che una collega è riuscita a registrarsi oggi con successo. Ti suggerisco di non indugiare oltre, perché rischi di non avere in tempo le credenziali. Per quanto riguarda le sanzioni, non ho notizia ve ne siano per il ritardo nella registrazione. Se la registrazione non viene effettuata, però, è impossibile inviare i dati e se i dati non verranno trasmessi ci sono le sanzioni indicate nell’articolo.

  25. Roasalba Anfosso Boscolo

    Qualcuno ha avuto l’accreditamento? io non ancora!
    grazie Laura

  26. grazie per il tuo contributo!!! hai chiarito molti dubbi!!

  27. salve, innanzitutto grazie per questo articolo, davvero ottimo. Sono una psicologa, iscritta all’ Albo. Ho chiuso la mia partita iva nel 2015 e la cancellazione all’enpap è avvenuta con decorrenza dal 1-1-2016, pertanto nel 2016 non ho fatturato. Sono obbligata a registrarmi col sistema tessera sanitaria? grazie

  28. Buongiorno, intanto grazie mille dell’articolo è molto prezioso. Ho completato stamattina con successo la procedura di accreditamento quindi sarei pronta ad inserire le fatture emesse e saldate, però ci sono alcuni punti che non mi sono chiari. Per i nuovi pazienti arrivati dopo il 14 novembre nessun problema, informo della procedura ed eventualmente inserisco le fatture nel caso non manifestino opposizione. Il mio problema sorge con quelli precedenti al 14 novembre: facciamo l’esempio che un paziente abbia interrotto prima del 14 novembre, mi sembra di aver capito che le sue fatture le devo comunicare comunque e che se si vuole opporre deve comunicare autonomamente all’agenzia l’opposizione, giusto? lo stesso vale se un paziente è attualmente in carico, si può opporre direttamente con me solo alle fatture post 14 novembre, per quelle precedenti deve fare comunicazione autonoma, ma io le devo comunque registrare? Grazie

  29. Grazie Laura, il tuo contributo è molto prezioso.
    Visto che ci apprestiamo ad inserire al sistema le fatture rilasciate nel 2016 ai pazienti.. mi chiedo: come spieghiamo loro che stiamo per fare questa nuova operazione? Se ho capito bene, non devono firmarci nessun consenso per la trasmissione… ma non riesco ad immaginare il modo in cui illustrerò loro la questione. Inoltre.. dobbiamo chiamare i pazienti che non vediamo più, ma ai quale comunque abbiamo emesso fatture nel 2016? Grazie…

  30. Buongiorno Laura. Anzitutto grazie infinite per questa possibilità che stai offrendo, è unica e preziosissima.
    Avrei due domande, sorte proprio questa mattina, iniziando con l’inserimento delle spese sanitarie sul portale TS. Ho cercato di accedere alla funzione “Comunicazioni” per ricevere assistenza on line, ma appare un messaggio che mi indica di non essere abilitata… Mi rivolgo quindi a te, speranzosa di poter ricevere aiuto!
    – La prima domanda riguarda la voce “Dispositivo”. Scrivono: “E’ il numero progressivo di scontrino. Vale convenzionalmente ‘1’ per ricevute e fatture”. Dobbiamo quindi indicare sempre ‘1’ o andare avanti con la numerazione progressiva?
    – La seconda domanda riguarda invece la data di pagamento: accade a volte che un paziente saldi la seduta precedente al colloquio successivo, e in nessun modo riesco a ricordare con assoluta certezza il giorno esatto del pagamento. Come posso fare? Altre volte alcuni pazienti pagano mediante bonifico: devo recuperare il dato esatto dall’estratto conto?? O è importante solo sapere se il pagamento è stato effettuato nell’anno?
    Grazie infinite per le risposte che potrai darmi.

    • Non ho ancora iniziato ad inserire le fatture ma il campo Dispositivo dovrebbe essere quello che riguarda i registratori di cassa se non erro. Per noi il valore di default è uno. Sempre 1.
      Per la data di pagamento bisogna inserire la data in cui il paziente ha pagato, che deve essere quella della data di emissione del documento per i pagamenti effettuati immediatamente e quella della data effettiva di pagamento per gli altri (es.bonifici o pagamenti effettuati anche in contanti ma in ritardo rispetto all’emissione della fattura). Io in genere allego alle fatture i bonifici o metto un biglietto di promemoria quando la fattura non è stata pagata. Il paziente può scaricare solo le spese che ha effettivamente effettuato. Quindi se emetti una fattura a dicembre ma ti viene pagata a maggio dell’anno successivo quella fattura va inserita nel sistema TS per l’anno fiscale successivo.

  31. Roasalba Anfosso Boscolo

    Ciao Laura,
    Dubbio: se un paz fa l’opposizione x le parcelle arretrate io NON devo registrarle? ma come faccio ad avere la certezza che sia stata fatta richiesta di opposizione dal paz? poi la sanzione arriva a me, giusto?
    grazie

  32. Per favore mi rimandate” altra psicologia”del 26 novembre ove era spiegato passo passo l’accreditamento tessera sanitaria?E sparito dal computer grazie mille Brienza Zanella

  33. Mille grazie!!!

  34. Grazie! Articolo utilissimo, tempestivo chiaro e preciso nelle informazioni.

  35. Ciao Laura, alcuni miei pazienti sono entrati in crisi dopo aver comunicato loro l’obbligo che abbiamo noi psicologi sulla comunicazione dei dati… io li ho tranquillizzati dicendo che se si oppongono, le informazioni concernenti le spese sanitarie sostenute, non verranno messe a disposizione dell’ AdE e di conseguenza l’Ente, non avrà alcun accesso su queste spese. Malgrado ciò, mi sembrano ancora piuttosto preoccupati. Naturalmente, tutte queste ansie e preoccupazioni offrono, a livello fantasmatico, importantissime informazioni e spunti di riflessione e su di essi stiamo provando a lavorare durante le sedute. Tuttavia, mi chiedo se c’è qualche altra informazione più tecnica che posso dare loro per rassicuralri in merito alla temuta trasmissione dati??
    Grazie

    • Laura Salvai

      Ciao Tommasina. Sì con alcuni pazienti può essere un problema questa procedura per il 2016 dato che l’opposizione è mista. Dal 2017 per fortuna potranno opporsi direttamente a noi per tutto. Se sai che certe persone possono essere particolarmente delicate cerca di spiegare loro con calma e nel dettaglio cosa possono fare. A volte siamo noi per primi ad essere turbati da queste incombenze e qualcosa “passa”. Per l’opposizione all’AdE trovi sul mio articolo “vademecum pratico” al fondo tutti i modi di opposizione (n.verde, mail, ecc.)e sull’articolo delle FAQ il link per scaricare il modulo di opposizione da portare all’Agenzia. Se vuoi puoi fornire queste informazioni aggiuntive. Alcuni vanno in panico più che altro perché non sanno come fare materialmente l’opposizione. In bocca al lupo e buon lavoro.

  36. Salve, vorrei un chiarimento sulla data di emissione fattura e data pagamento: nelmio caso le date coincidono, perchè il paziente sa che alla fine del mese gli consegno la fattura e quel giorno stesso mi paga; iomi occupo di bambini autistici e con i genitori dei bambini abbiamo concordatoin questomodo. Però, mentre la data di emissione fattura è riportata nella suddetta quella di pagamento io non l’ho mai segnata perchè corrisponde allo stesso giorno in cui la emetto , per cui devo scrivere la stessa data, giusto?

  37. Buongiorno Laura, grazie in anticipo per la tua disponibilità e gentilezza. Premetto che uso il classico blocchetto delle ricevute (in cui c’è scritto Ricevuta n. … data…. ), ho inserito qualche giorno fa una fattura e alla voce numero del documento ho scritto solamente 2 (così come ho scritto sul blocchetto stesso), è corretto o avrei dovuto scrivere 2/2016? l’anno non si dovrebbe evincere dalla data di emissione ? se ho sbagliato come posso correggere?
    grazie mille

    • Laura Salvai

      Tempo fa era richiesta una identificazione univoca del progressivo con numerazione / anno e ripartenza da 1 nell’anno successivo. Es. 1/2014 1/2015 ecc. I commercialisti avevano inviato un comunicato. Mi risulta però che ora non è più obbligatorio e addirittura si può proseguire la numerazione nell’anno successivo es.ultima fattura del 2016 = 400 prima del 2017 =401. Quindi si può ripartire da 1 oppure proseguire nella numerazione all’infinito fino alla cessazione dell’attività. In entrambi i casi l’anno è identificato dalla data del documento e la cosa importante è che non ci siano salti nella numerazione. Per quanto riguarda il /anno nel numero progressivo chiedi per sicurezza al tuo commercialista. Il mio al momento non mi ha dato ordini diversi e io indico sempre il /anno ma se ho capito bene da alcuni contenuti internet non è più obbligatorio. Rimane il fatto che se tu non hai messo in fattura /anno devi inserire sul sistema la numerazione corrispondente ai tuoi documenti fiscali e non aggiungere niente. Se hai numerato 1, 2, 3 e non 1/2016, 2/2016 ecc. inserisci 1,2,3. Mi raccomando però non prendetemi come commercialista sostitutivo perché commercialista non sono. Per i dubbi sulle questioni fiscali chiedete al vostro consulente o al commercialista del vostro Ordine. Questi articoli sono informativi su questioni relative ad argomenti specifici. Su questioni specifiche relative ad aspetti fiscali più ampi non posso rispondere.

  38. Claudia Guerrini

    Grazie 1000 x le informazioni preziose.
    In riferimento alla marca da bollo ed alla multa se posdatata alla data della fattura, viene citato “la multa corrisponde al pagamento da 2 a 5 volte l importo dovuto”. Si riferisce all importo dovuto all agenzia delle entrate (tassa) oppure all importo dovuto al professionista, quindi alla cifra di pagamento?
    Grazie

  39. Salve, ringrazio per le informazioni precise e molto utili.
    Vorrei sapere come si può procedere per delegare il commercialista ad inserire i dati nel sistema tessera sanitaria per conto del professionista.
    Esiste una delega da compilare e da dove si scarica?
    Grazie!

  40. Grazie,
    io ho fatto tutto con la per, ma non ho mai avuto risposta,mi sono registrata una seconda volta con lo stesso risultato
    ora ho visto che esiste un numero verde da chiamare, domani lo farò.
    E’ corretto?
    Grazie
    Roberta Brivio

  41. Buongiorno, ho un problema sulla data di effettivo pagamento: ad agosto ho chiuso il mio vecchio conto corrente ed ora non riesco a risalire alla data dei pagamenti tramite bonifico. Sicuramente sono stati tutti saldati entro un paio di mesi dalla data di emissione fattura, come posso procedere?

    • Laura Salvai

      La data di pagamento è un dato essenziale in contabilità. Quindi di solito si allega alla fattura la ricevuta del bonifico in modo che il commercialista possa inserirlo correttamente. O comunque glielo si comunica. Quindi lui ha certamente questo dato. Chiedilo a lui.

  42. Cinzia Vinciguerra

    Buongiorno Laura, grazie per la precedente risposta.
    Ho un altro dubbio: le fatture emesse nel 2016 e saldate nel 2017 posso già inserirle (visto che è specificata la data effettiva del pagamento, cioè 2017) oppure devo caricarle dopo il 31 gennaio? Anche la mia commericalista ha dubbi in merito. Mi è chiaro che il paziente le porterà come spesa 2017, ma non mi è chiaro se la comunicazione va fatta in riferimento all’emissione del documento.
    Grazie per il prezioso lavoro. Cinzia

    • Laura Salvai

      Puoi inserirle. Il paziente se le scaricherà nel 2018. Soprattutto visto che ti sono state pagate e che l’inserimento 2016 va fatto entro il 31.01.
      In ogni caso io a breve inizierò a inserire quelle del 2017 per evitare di dover fare tutto alla fine che è più faticoso.

  43. Ciao Laura, grazie mille per il tuo lavoro, sei utilissima.
    Volevo chiederti una cosa che non ho trovato, spero non sia una ripetizione. Io e alcune mie colleghe di studio abbiamo erogato consulenze gratuite per le persone che hanno subito il terremoto (sono a Rieti). Come ci è stato consigliato, abbiamo lo stesso emesso fattura per i colloqui gratuiti, a importo zero. Dobbiamo trasmettere anche quelle fatture o possiamo esimerci? (Tieni conto che in alcuni casi le persone hanno deciso poi di intraprendere un successivo percorso, a costi sociali, ma scegliendo di volere la trasmissione delle fatture in quanto intendevano scaricare i costi).
    Grazie per la tua attenzione.
    Chiara

    • Laura Salvai

      Non so, sai? Prova a vedere se ti prende l’importo zero. Però scusa ma se non hanno pagato niente cosa si scaricano? Niente. Non credo portino al commercialista o al caf delle fatture a importo zero.

  44. ciao Laura, nella compilazione dei dati, in quali casi va flaggato “pagamento anticipato”? se clicco sui ? in verde, non ottengo informazioni aggiuntive, per questo chiedo a te. Grazie, complimenti per il lavoro svolto finora. Monica

  45. Laura Marinello

    Molto interessanti le risposte. Io mi ritrovo con un problema, non ho memorizzato la password durante la registrazione al sistema tessera sanitaria, come posso fare per recuperarla? Il commercialista me la richiede.

  46. Chiamare il numero verde significa perdere ore al telefono!!
    io l’ho fatto, e la procedura è questa: andate sul portale, cliccate AREA RISERVATA, mettete il vostro codice identificativo (= il codice fiscale) e sul campo PAROLA CHIAVE, che non abbiamo, mettiamo soltanto UN ASTERISCO O UNA LETTERA QUALSIASI
    In questo modo, dando l’invio, compare DIMENTICATO LA PAROLA CHIAVE? Quindi CONFERMATE, così che vi verrà inviata via PEC una nuova password temporanea, entrate, e seguite le istruzioni per farvi inviare quella definitiva.
    Felice di risparmiarvi un mal di pancia!
    Elena

  47. Buongiorno a tutti! Io ho ricevuto alcuni assegni a dicembre 2016 ma li ho versati a gennaio 2017 (gli assegni riportano la data di gennaio 2017) pertanto quelle fatture dovrei inserirle nel sistema T.S. 2018 ma in tal modo i pazienti, pur avendo pagato entro l’anno 2016, non si potranno dedurre le spese sanitarie… Come devo fare?

    • Laura Salvai

      Il pagamento è la data dell’assegno non quando lo versi. Se ti dimentichi per mesi di versarlo il paziente non ne può niente. È giusto si possa scaricare le fatture nel 2017 se ha pagato nel 2016.

  48. Buongiorno, ho una difficoltà rispetto a delle fatture emesse con la voce mental training in cui ho inserito anche l’IVA, non considerandole come presazione sanitaria. Immagino non dabba inserirle, ma vorrei un riscontro…
    Grazie mille per la disponibilità..

    • Laura Salvai

      Era un corso o un intervento di riabilitazione o altro? Se hai fatto il ragionamento prima di emettere fattura, come giusto, e hai ritenuto fosse una prestazione non sanitaria e pensi sia un servizio non detraibile allora non lo inserisci. Chiedi però al tuo commercialista lui sa certamente quali sono le spese detraibili. Vi ho dato delle informazioni sulla procedura ma non ho la qualifica o competenza per fare consulenza fiscale. Sentite il commercialista o l’AdE per casi specifici e non ordinari.

  49. ciao Laura! Ansia da risultato incerto.
    Ho fatto ‘venire’ il primo inserimento. Vale a dire dopo la 1′ schermata di inserimento spesa sanitaria è apparsa quella che chiede dettaglio di spesa.
    Alla tipologia ho scelto l’unica disponibile, SP, e scritto l’importo. E’ apparsa una tabella con le due voci indicate sp, e importo nonché l’azione elimina. Me lo ha chiesto diverse volte. Provavo a riscrivere. Mi scriveva la stessa riga, una riga sotto l’altra, ovviamente con importo totale raddoppiato. Non va l’help il linea nel mio pc, non so. A forza di tentativi è riuscita, e nelle gestione spesa sanitaria la fattura è apparsa. Anche a te appare una tabella riepilogo? Dovrei aggiungere/fare/cavare qualcosa?

    • Laura Salvai

      L’importo totale lo devi inserire una sola volta. Comunque puoi eliminare gli importi doppi sulla tabella di riepilogo. Ti chiede conferma più volte in modo che tu possa controllare e tornare indietro per modificare i dati errati. Solo all’ultima conferma sul riepilogo generale attribuisce il numero di protocollo.

  50. Ciao Laura, ho provato a leggere tutti i messaggi ma non ho trovato la risposta che cerco, mi spiace se è stato già spiegato. Il quesito è questo: i pazienti vogliono sapere se apparirà la dicitura psicoterapia o la scritta generica prestazione sanitaria. Quest’ultima è l’unica opzione cliccabile inserendo le fatture ma mi chiedo se poi automaticamente apparirà la prestazione collegata alla mia partita iva. grazie

    • Laura Salvai

      Compare come SP Spesa Sanitaria. Comunque non esiste una prestazione legata alla p.Iva. La p.Iva identifica che sei psicologo e basta. Le prestazioni possono essere svariate e non solo psicoterapia, per cui come farebbe l’AdE? Tirerebbe a indovinare? 😉
      Se il paziente non vuole che la spesa compaia perché dovrebbe spiegare a qualcuno la spesa sanitaria può sempre opporsi a te/all’AdE (per il pregresso).

  51. Buongiorno, sono il consulente di un veterinario. Sto aspettando che il STS invii al mio indirizzo PEC il link per poter accettare la delega e procedere all’invio. La richiesta è stata inviata il 10/01/2017 e ad oggi ancora nessuna risposta. Altri sono nella mia stessa situazione? Che tempi hanno per rispondere? Temo di non riuscire ad inviare i dati entro il 31/01.
    grazie mille

    • Laura Salvai

      Buongiorno Lara. Sulle deleghe non conosco le tempistiche medie. Può eventualmente dire al suo cliente di chiamare il numero verde e verificare. Innanzitutto è sicuro che la procedura di delega sia stata effettuata nel modo giusto dal suo assistito? Provi a controllare, in quanto certamente il sistema non risponderà immediatamente dovendo fare gli opportuni controlli e se ci fosse un errore (es.banalmente anche solo l’indirizzo pec sbagliato) attendere la conferma che non arriverà potrebbe far passare inesorabilmente la scadenza. Se è tutto a posto, allora potete chiedere al numero verde le tempistiche o eventualmente farvi dare i riferimenti dell’assistenza. Dato che manca una settimana alla scadenza, l’unico modo per tutelarsi in caso di intoppi nella procedura è di inserire manualmente fattura per fattura utilizzando il sito sts con le credenziali acquisite precedentemente ed eventualmente rimandare al prossimo anno l’invio cumulativo.

  52. Buongiorno Laura,
    putroppo non mi sono accorta che l’accreditamento andava effettuato entro il 31/10/16, come posso fare ora per poter reperire le mie credenziali? Che sanzioni ci sono se invio in ritardo la comunicazione di 5 fatture?
    Grazie mille
    Simona

    • Laura Salvai

      Le credenziali non sono automatiche e pertanto non possono essere reperite. Occorreva farne richiesta entro il 31.10 e attendere 1/2 mesi per riceverle sulla pec e poter così accedere alla propria area riservata. Le sanzioni previste sono indicate nell’articolo in cui commenti, ciò mi fa pensare che tu non lo abbia letto; comunque sono di 100 euro a documento fino a un massimo di 50.000 euro. Non so se per il primo anno le sanzioni non verranno applicate perché al momento non ho letto nulla in merito.Comunque ripeto, tutto ciò che chiedi è contenuto nell’articolo. So che è più rapido chiedere ma leggere sarebbe una cortesia per chi risponde da mesi alle stesse domande. Grazie

  53. Ho svolto alcune supervisioni agli operatori di una cooperativa. Non comunico al STS perchè ho fatturato alla coop. Ma invece le supervisioni cliniche rivolte ad una collega psicoterapeuta ? Grazie.

    • Laura Salvai

      La supervisione di solito si fattura su partita Iva del collega e non è una spesa sanitaria ma professionale, come la formazione. Quindi il collega se la scarica come libero professionista e non come paziente.

  54. Rettifica msg precedente:
    Buongiorno Laura,
    ho il caso di una fattura emessa il 30 dicembre 2016 e pagata con bonifico disposto lo stesso giorno da parte del mio cliente. Il bonifico a me è entrato (c.d. “data disponibile”) il 3 gennaio 2017. Come mi comporto con tale fattura? La inserisco nel sistema TS quest’anno (entro il 31 gennaio 2017) o il prossimo anno? Come “data pagamento” indico quella dell’incasso da parte mia (3 gennaio 2017) oppure quella dell’uscita “di cassa” da parte cliente (30 dicembre 2016). Spero di essere stato sufficientemente chiaro. Grazie in anticipo

    • Laura Salvai

      Ciao Andrea, essendo una fattura emessa nel 2016 ed avendo ricevuto il pagamento prima della scadenza per l’inserimento dei dati sul sts (che tra l’altro è stata prorogata dal 31.01 al 09.02) io la fattura la inserirei comunque. La data del pagamento deve corrispondere alla data che il tuo commercialista ha inserito in contabilità. Il sistema permetterà al paziente di scaricarla nel 2016 o nel 2017 (730 2017 e 2018) in base a questo.

  55. Scusa, se fatturo alle scuole, viene riportato il codice fiscale del dirigente scolastico, però non devo comunque trasmettere questo tipo di fatture, giusto?
    Grazie mille!

    • Laura Salvai

      Scusa ma non so come funzioni la fatturazione ad una scuola. La fattura è intestata all’istituto? Immagino di sì. Perché i dati vanno trasmessi solo per le persone fisiche e non per gli enti.

  56. Buongiorno,
    è possibile apporre “l’opposizione” da parte del paziente su una fattura (su originale e sulla copia) di dicembre già emessa (perchè il paziente ci ha ripensato e non vuole che la fattura sia inviata tramite sistema TS)?
    Grazie mille

  57. Buongiorno,
    in tema di sanzioni è confermato che “per le trasmissioni effettuate nel primo anno di assolvimento dell’obbligo non sono applicabili le sanzioni previste nei casi di “lieve tardività“ o di errata trasmissione dei dati, laddove l’errore non abbia determinato una indebita fruizione di detrazioni/deduzioni nella dichiarazione precompilata”?

    • Laura Salvai

      Buongiorno Andrea. Quello che dici si riferisce alla deroga transitoria relativa alle sanzioni prevista per la legge di stabilità precedente, quando sono state inserite le prime categorie professionali obbligate alla trasmissione. Per il momento non ho notizia che tale deroga sia stata estesa anche alle nuove categorie (tra cui noi) subentrate nel 2016 con il nuovo decreto.

  58. Buongiorno, io ho una fattura relativa ad un paziente che ho visto solo una volta e il codice fiscale risulta non valido.
    Purtroppo non ho più possibilità di rintracciare la persona.
    Come posso fare in questo caso per registrare la fattura?
    Grazie
    Elisa

    • Laura Salvai

      Se hai fatto firmare al paziente un modulo di consenso informato o privacy e i moduli prevedevano la compilazione di dati relativi alla data e luogo di nascita, puoi recuperare facilmente il codice fiscale. Ci sono dei siti online per il calcolo, è sufficiente mettere nome cognome sesso data e luogo di nascita. Quando sono in dubbio su ciò che ho scritto in fattura faccio così.

      • Purtroppo non ho quei campi nel modulo per la privacy.
        Non ho modo di recuperare il codice fiscale corretto.
        In questo caso cosa mi consigli di fare?
        Grazie ancora
        Elisa

      • Laura Salvai

        Se non hai modo di contattare il paziente nè telefonicamente, nè via mail o altro e non hai i dati per verificare il cf online, non so proprio cosa suggerirti. Il campo codice fiscale è necessario.
        Se non riesci in nessuna maniera a inserire la fattura, in caso di controlli ti ricordo che la sanzione è di 100 euro a documento non inviato. Questo è quello che rischi.

  59. Gent.ma Dottoressa, mi scuso se sono a sottoporle una questione già trattata ma ho provato a leggere tutti i messaggi e non ho trovato la risposta che cerco.
    Come ci si deve comportare con la casella “data di pagamento” in caso di ricevute che al 31/1/17 (ultimo giorno per l’adempimento) risultano ancora non pagate?
    Grazie in anticipo e buona giornata.
    KITE

    • Laura Salvai

      Se sono ricevute emesse nel 2016 e non pagate, possono essere inserite nel 2017 quando ti arriverà il pagamento. Il paziente non può scaricare delle fatture che non ha pagato.
      Ti avviso che la data ultima dell’inserimento non è più il 31/01, in quanto c’è stata una proroga al 9 febbraio. Se per caso il pagamento ti arriva entro quella data, puoi inserire la fattura con pagamento 2017 e il paziente se la scaricherà nel 2018. Se il pagamento non ti arriva entro il 9 febbraio non inserire la fattura e inseriscila quando avrai il saldo. Buon lavoro.

      • Thanks Laura 🙂

      • Scusa Laura, se il pagamento mi è invece arrivato il 10 gennaio (fattura del 30 dicembre 2016) posso comunque inserire la fattura nel 2018 (anziché entro il 9 febbraio 2017) visto che cmq non la ho incassata nel 2016 o sono obbligato ad inviarla quest’anno? Grazie ancora

      • Laura Salvai

        Il commercialista dell’Ordine Psicologi Piemonte consigliava per le fatture 2016 pagate nel 2017 entro la data di scadenza di invio dei dati al sts di effettuare la trasmissione, e di non inserire solo quelle per cui il pagamento viene ricevuto dopo tale scadenza. L’effetto è lo stesso, comunque, non verranno detratte dal cittadino nel 730 di quest’anno sia che tu la invii e sia che non la invii.

  60. Ciao, Laura. Visto che si parla di spese sostenute nel 2016, invio al sistema anche le fatture del 2015 saldate nel 2016? Grazie

    • Laura Salvai

      L’obbligo è dal 1 gennaio 2016. Probabile inoltre che il tuo paziente quelle del 2015 le abbia già scaricate nella dichiarazione 2016. Però chiedi per sicurezza al call center o al tuo consulente.

  61. Salve Laura, sto cercando in rete la data di scadenza per l’invio delle ricevute emesse a partire dal 1 gennaio 2017, ma non trovo nulla; si ha qualche notizia su questo, oppure è scontata la scadenza del 31 gennaio 2018? Grazie per la risposta.

  62. Buongiorno Laura, grazie per essermi stata di sommo aiuto nel guidarmi passo passo alla registrazione al STS e alla comunicazione delle mie fatture sanitarie – che costituiscono circa il 90% della mia fatturazione.
    Il Suo aiuto mi ha permesso di essere autonoma nell’adempimento e di cavarmela da sola; la mia commercialista mi aveva chiesto, per occuparsene al posto mio, una cifra considerevole che avrebbe costituito uno sgradevole aggravio alla somma mensile che già le destino.
    Ieri la suddetta commercialista mi ha comunicato l’obbligo di due nuovi adempimenti che riguardano l’IVA: trasmettere all’Agenzia delle Entrate, indipendentemente dal STS, anche i dati delle fatture con IVA (del primo trimestre 2017) sia emesse che ricevute, ed i dati delle liquidazioni periodiche IVA. Nel mio caso stiamo parlando di 3 fatture in tutto, e di un’ulteriore spesa a mio carico.
    Ho navigato nel sito dell’Agenzia delle Entrate per cercare di capire come fare per essere autonoma ancora una volta, ma… confesso di non aver trovato nulla che facesse al caso mio; d’altra parte, sono una psicologa psicoterapeuta, non una commercialista!
    Lei sa qualcosa di questa nuova normativa, di come fare per “comunicare” e “trasmettere” i dati di queste fatture con IVA?
    Grazie in anticipo,
    con cordialità e stima,
    Chiara

    • Laura Salvai

      Felice di esserti stata di aiuto. Per l’Iva ora bisogna fare la dichiarazione trimestrale. Anche prima era un lavoro che faceva il mio commercialista e in effetti questa modifica ha causato un aumento della sua parcella. Anche io ho poche fatture Iva ma questo non ha determinato sconti. Personalmente non saprei come fare la cosa autonomamente. Se qualcuno ci legge e ne sa di più magari può darti istruzioni in merito. Mi dispiace non poterti aiutare questa volta.

  63. Cioffi Cristiana

    Salve, purtroppo solo oggi sono venuta a conoscenza di quest’ adempienza, non sono iscritta al STS,
    lo farò domani mattina in accordo col mio commercialista che non mi aveva messo al corrente della novità!
    posso farlo da ora? avrò sanzioni?

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*