Home / Regioni / Sicilia / Non vedo, non sento, non parlo…
Angelo Barretta
Vivo in provincia di Palermo, sono Psicologo e Psicoterapeuta, ho conseguito due master, il primo in mediazione familiare, separazione e affidamento dei figli e il secondo in sessualità e relazioni affettive. Sono stato Consigliere onorario minorile presso la sezione minori della Corte d'Appello di Palermo. Attualmente sono Consigliere dell’Ordine degli Psicologi della Regione Siciliana, fiero e orgoglioso di far parte di AltraPsicologia. Oltre la libera professione mi occupo del coordinamento nel privato sociale di servizi rivolti a minori, soggetti diversamente abili e anziani. Docente formatore presso enti di formazione accreditati, esperto progettista e valutatore nel terzo settore e politiche sociali. Il lavoro di squadra, la colleganza e la trasparenza sono i principi base del mio impegno politico. Credo nel valore della "bellezza", come fondamento di ogni relazione umana, facendo della creatività il motore propulsore. Nella mia vita mi accompagna questa frase: "è il tempo che tu hai perduto per la tua rosa che ha fatto la tua rosa così importante" tratta dal Piccolo Principe di A. S. Exupéry. Amo la musica, il cinema e l'arte in genere, mi piace cucinare, ho un cane e un gatto.

Leggi tutti i suoi articoli (5)

Non vedo, non sento, non parlo…

image_pdfimage_print

non vedoTutelare la professione psicologica, è uno degli obiettivi di AltraPsicologia, che da sempre si è battuta affinchè altre pseudo-professioni non invadano il campo specifico dello psicologo.

Subito dopo l’insediamento del nuovo consiglio, i consiglieri di AP hanno chiesto di affrontare il delicato argomento dell’art. 21 del codice deontologico, anche a seguito di numerose segnalazioni dei colleghi. Nella seduta del 27 Marzo 2014, abbiamo depositato al protocollo dell’Ordine, varie brochure e depliant che pubblicizzano corsi di couseling nel territorio siciliano, al fine di verificare la violazione dell’art. 21.

Finalmente, nella seduta del 17 Aprile, l’argomento è stato affrontato e discusso. Per noi un primo passo molto importante, in quanto la tutela professionale è uno dei compiti principali di un Ordine che deve prendere posizione, mentre in Sicilia l’argomento è stato sempre taciuto.

Il Presidente ha argomentato la sua posizione portando una serie di articoli e documentazioni per sottolineare come l’attività portata avanti dai counselor NON colpisce l’attività psicologica, e sostenendo, fra l’altro, che i counselor non  lavorano più degli psicologi e di fronte all’avvio di nuovi corsi non si può fare niente.

Il punto è proprio questo, può un Presidente di un ordine “liquidare” una questione così delicata e importante?  Sembra che sminuisca la portata del fenomeno…

Può un Ordine esimersi dai propri obblighi di legge consistenti nel “vigilare per la tutela del titolo professionale e svolgere le attività dirette a impedire l’esercizio abusivo della professione” (art. 12 comma h, legge 56/89)? Noi crediamo di NO.

Infatti, se è vero, (così come ha sottolineato il Presidente in consiglio) che c’è un recente parere del Ministero della Salute che sembra difendere l’attività dei counselor, dall’altro c’è la famosa sentenza Zerbetto che decreta come: l’insegnamento dell’uso degli strumenti a persone estranee equivale in tutto e per tutto a facilitare l’esercizio abusivo della professione.

Inoltre, se tutto ciò non bastasse, il CNOP ha, finalmente, elaborato e reso pubblici gli Atti tipici della Professione Psicologo, esplicitando che le tecniche di natura psicologica, ancorchè con altro nome, siano riservate agli psicologi.

Di fronte a questo atteggiamento, cosa possiamo fare noi di AP?

Sicuramente continuare a far sentire la nostra voce, perché noi, che con i colleghi abbiamo un confronto costante e continuo, sappiamo bene che la discussione sull’articolo 21 è una piaga aperta e crediamo che un Ordine abbia il dovere di ascoltare gli iscritti e, quantomeno, dare dei segnali forti. Infatti, sono bastati pochi input sui Social Network per ritrovarci sommersi da commenti, testimonianze e segnalazioni sull’argomento. Davanti a tutto non possiamo fare spallucce, sminuire il problema e dirci che tanto “non possiamo farci niente”.

Ovviamente è impossibile ipotizzare azioni a tappeto contro tutto e tutti, che inesorabilmente si ritorcerebbero contro l’Ordine e l’intera categoria. Noi, invece, crediamo che il parere ministeriale debba essere approfondito anche con pareri legali e rafforzato con una forte sottolineatura riguardo gli atti tipici dello psicologo perché, continuando a schivare le questioni spinose ed irrisolte, la nostra professione è sempre più a rischio.

Per tornare alla seduta di consiglio, la stessa si è conclusa con un nulla di fatto! Possiamo permettere che il delicato argomento, che ripetiamo riguarda tutti noi, sia concluso con un “noi che possiamo fare?” Ovviamente NO.

Allora nel silenzio/assenso di tutti gli altri consiglieri, noi di AP abbiamo proposto  un primo passo, un passo piccolo ma dal forte impatto: la costituzione di una carta etica, rivolta a tutte le scuole di Psicoterapia presenti in Sicilia (così come è stato fatto, per altro, per il quadriennio precedente nell’Ordine della Lombardia): “la carta etica vuole rappresentare una garanzia di rispetto minimo di regole culturali, amministrative e contrattuali“.  La carta etica è uno strumento operativo frutto della condivisione di regole e percorsi a garanzia di tutti i colleghi, per contribuire ad una maggiore qualità formativa, con trasparenza e correttezza, per cui la carta non si rivolge solo al complesso tema del counseling, ma a tutta la formazione e a ciò che ne diviene.

Noi non vogliamo fare come gli struzzi, non vogliamo mettere la testa sotto la sabbia e far finta di niente, la Tutela è uno dei pilastri su cui vogliamo muoverci per ridare dignità e identità alla nostra professione. Perciò vediamo se c’è veramente l’intento di creare una carta etica da parte di tutto il Consiglio e soprattutto vedere quali scuole aderiranno.

Noi vediamo, sentiamo e parliamo!!!

Angelo Barretta e Dario Caminita

Compila i campi di seguito per rimanere aggiornato sulle attività di AltraPsicologia.

Cliccando sul bottone “ISCRIVIMI ALLA NEWSLETTER” dichiari di aver letto ed accettato le Condizioni Generali di Servizio e la normativa sulla Privacy.


1 Commento

  1. anna montopoli

    cari colleghi, il probl counselor sembra essere veramente grave. siamo sempre più in scacco ma abbiamo qlk sentenza a favore. ogni nostro contenzioso ci si può ritorcer contro, dunque dobbiamo muoverci cn attenzione. l’ordine ha abbastanza denaro x incaricare un amministrativista di esaminare la questione e valutare se c’è qlk possibilità concreta di ottenere qlcs. ovviam il giardina nn ha alcun interesse a sollevare un tal probl. possiamo far partire una raccolta di firme x costringerlo a chiedere un parere legale, ma in verità dovremmo investire l’ordine naz..che ne pensate? si inizia la pugna?

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*