E in Abruzzo: di che Gender stiamo parlando?

Anche AltraPsicologia Abruzzo si interroga sul ruolo dello Psicologo nell’ambito della divulgazione scientifica su temi di rilevanza sociale. Questa volta lo fa scendendo in campo a beneficio della collettività regionale per informare e creare contesti di riflessione intelligente e far luce su di un mediocre artifizio mediatico, quale quello del Gender.

Agitato come spettro da temere, il tema Gender è stato pensato per arenare il processo di crescita sociale colpendo direttamente i costrutti di Educazione Affettiva, Parità di Genere e Diritti Civili ritenuti necessari per l’evoluzione verso un modello di convivenza sociale maggiormente inclusivo e capace di promuovere l’autodeterminazione delle persone.

1

Venerdì 11 dicembre 2015, presso il Dipartimento di Scienze Umane dell’Università degli Studi di L’Aquila, AltraPsicologia presenterà una Giornata Regionale di Approfondimento Scientifico sugli Studi di Genere attraverso il coinvolgimento di docenti e ricercatori universitari in settori come la Sessuologia, la Psicologia, la Pedagogia, l’Etica Sociale, la Letteratura Comparata e la Giurisprudenza al fine di offrire un’informazione scientifico-interdisciplinare capace di generare comprensione positiva sulla sessualità umana.

La Giornata Regionale di Approfondimento Scientifico sugli Studi di Genere che, fino alla primavera 2016, farà tappa nelle restanti province abruzzesi, in parallelo ad altre iniziative tese a promuovere i diritti, la tutela e la politica professionale, segnerà un cambio d’abito della Psicologia abruzzese, nella consapevolezza che i rinnovamenti estetici hanno senso se accompagnati da una riorganizzazione identitaria.

 

2Una Psicologia che esce dai soliti contesti dove era stata pensata inizialmente, per accogliere la scommessa di nuovi ambiti di ricerca e di emergenza sociale, indossa l’abito della novità professionale. Questo rinnovato modo di essere situa l’azione professionale anche nel complesso spazio di interazione che lega uomo e cultura, da cui spesso si è tenuta distante più per una linea del politically correct che per prudenza scientifica.

Se la società ci guarda, ci pone domande, si aspetta da noi risposte, quelle autorevoli e verificate, noi non possiamo derogare al compito della divulgazione scientifica, quella che sortirebbe l’implementazione di nuove ed evolute forme di convivenza civile, a beneficio del benessere psicologico di tutti.

Per superare le resistenze al cambiamento, rispetto e simpatia non bastano. “Senza l’immaginazione” – direbbe M. Nussbaum – “il rispetto è politicamente incompleto”. Ed è per questo che come membri di AltraPsicologia, abbiamo pensato di interrogarci sull’Identità di Genere percorrendo due linee direttrici: offrire delle risposte scientifiche per la crescita culturale in Regione; rimodulare la nostra presenza nel tessuto sociale abruzzese per generare la cultura del benessere, suscitando percorsi di Inclusione Sociale.

Il dibattito si pone l’obiettivo di cogliere l’importanza di pensare il diritto di cittadinanza come un modo plurale di essere uomo e donna. Tenendo inoltre presente l’impegno educativo delle famiglie, categoria maggiormente colpita dalla recente campagna di disinformazione .

3Perché la Psicologia possa contaminarsi con i processi di trasformazione sociale, la Giornata Regionale sugli Studi di Genere sarà condivisa con dei partner sociali, la cui vocazione associativa è quella di promuovere la parità di genere ed il valore delle differenze.

In sintesi, voler declinare la Giornata di Studio anche sul piano dell’impegno civile ha un senso: che immedesimarsi nell’altro, difenderne la libertà e valorizzarne le differenze è a beneficio del benessere psicologico dell’intera comunità.

 

La Giornata Regionale di Approfondimento Scientifico sugli Studi di Genere, gratuita ed aperta a tutti, si terrà l’11 dicembre 2015, dalle 9:30 alle 19:00  presso:

 

Aula Magna

Dipartimento di Scienze Umane – Università degli Studi di L’Aquila

Viale Nizza, 14

L’Aquila

Con il Patrocinio del Comune di L’Aquila

Assessorati per la Cultura e le Politiche di Genere

 

Al mattino (9.30-13:00) interverranno:

  • Per la Psicologia e la Sessuologia, il Dott. Enrico M. Ragaglia della Sipsis – Società Italiana di Psicoterapia per lo studio delle Identità Sessuali;
  • Per la Pedagogia, il Prof. Alessandro Vaccarelli, Associato di Pedagogia Generale e Sociale presso il Dipartimento di Scienze Umane dell’Università degli Studi di L’Aquila;
  • Per l’Etica Sociale, il Prof. Mario A. Di Gregorio, Ordinario di Storia della Scienza presso il Dipartimento di Scienze Umane dell’Università degli Studi di L’Aquila;
  • Per la Comunicazione culturale, il Prof. Massimo Fusillo, Ordinario di Critica letteraria e letterature comparate presso il Dipartimento di Scienze Umane dell’Università degli Studi di L’Aquila;
  • Per il Diritto, l’Avvocata Silvia Di Salvatore, esperta in Diritto e Cittadinanza di Genere e Presidente dell’Associazione Donne Vestine.

 

Nel pomeriggio (14:00-19:00)

  • Dibattito pubblico tra i rappresentanti di associazioni lgbt, degli insegnanti, degli studenti universitari, del volontariato, della cultura e delle organizzazioni sindacali. Seguiranno i lavori di gruppo e la redazione del Manifesto di Impegno Comune tra le associazioni ed i movimenti per la Parità di Genere e la lotta contro le discriminazioni legate al genere e all’orientamento sessuale.

 

Moderano i Dott. Andrea Squartecchia ed Egle D’Angelo di AltraPsicologia-Abruzzo

 La Giornata verrà realizzata anche grazie alla collaborazione di UDU (Unione degli Universitari) ed Arcigay M. Consoli di L’Aquila

 

Egle D’Angelo
Andrea Squartecchia