image_pdfimage_print

Cari colleghi, eccoci pronti come sempre ad informarvi sui Consigli del nostro Ordine Regionale: questo è il primo Consiglio del 2015 e dobbiamo dire che è iniziato “proprio bene”…..con molta ironia ovviamente.

 

Punto 1. “Lettura ed approvazione del Verbale seduta precedente”

Come sapete ad ogni Consiglio, viene approvato il verbale definitivo della seduta di Consiglio precedente. Purtroppo, nonostante le nostre diverse richieste, le bozze dei verbali non vengono inviate ai Consiglieri in modo che possano leggerle con accuratezza prima di approvare la versione finale, infatti ad ogni Consiglio ci tocca perdere molto tempo per apportare le modifiche che immancabilmente ci sono. Proprio perché non possiamo avere neanche copia dei verbali approvati, alla faccia della trasparenza, il Consigliere Zoppo chiede di siglare il verbale, che solitamente è firmato solo da Presidente e Segretaria, ma il Presidente si rifiuta, procedendo prepotentemente con i punti all’ordine del giorno mentre alcuni consiglieri di maggioranza si infastidiscono della nostra richiesta perché viene presa come una mancanza di fiducia.

 Purtroppo, in effetti, quando vengono negate le basi della trasparenza, per noi è difficile essere totalmente sereni e fiduciosi!

 

Punto 2. “Iscrizioni, cancellazioni, trasferimenti”

Ordinaria prassi amministrativa, andiamo veloci e si approva all’unanimità.

 

Punto 3. “Attività di Segreteria amministrativa, riorganizzazione e attribuzione funzioni a dipendenti”

Si apre un ampia discussione….per sapere come è finita dovrete leggere fino in fondo.

Il Presidente illustra la necessità di riorganizzare le funzioni dei collaboratori della segreteria dell’Ordine, in quanto ora abbiamo due sedi (L’Aquila e Pescara) e  quattro collaboratori. Introduce il nuovo “funzionigramma” che non è mai stato condiviso prima in Consiglio, ma che ci è stato inviato già redatto….chissà da chi, di sicuro non dai consiglieri di minoranza, cioè di Altrpsicologia, tenuti allo scuro di tutto. Per quanto riguarda i dipendenti vengono individuate delle macro aree di responsabilità per ognuno, pur rimanendo interscambiabili. Inoltre, il Consigliere Zoppo, a nome di tutti i consiglieri di Ap, chiede al Presidente se i dipendenti erano stati informati di tale documento e soprattutto se lo avessero condiviso, il Presidente ha risposto di si.

Il Consigliere Zoppo, fa notare che sulla sezione del Sito Trasparenza sono apparsi il codice di comportamento dei dipendenti e il regolamento disciplinare per i dipendenti, e ci si chiede, visto che in precedenza avevamo chiesto quali fossero i regolamenti vigenti e questi non erano stati menzionati e visto che in questa Consiliatura non sono mai stati approvati, da chi siano stati approvati e recepiti. Il Presidente ci informa che erano già stati preparati nella precedente consiliatura, ma non erano mai stati pubblicati.

Rimaniamo nel dubbio non potendo avere riscontro.

Il Consigliere Zoppo, sempre a nome dei Consiglieri di AltraPsicologia (AP), fa notare che sulla pianta organica risulta esserci un posto vacante come categoria B1 part-time e chiede delucidazioni in merito e per quali funzioni dovremmo aver bisogno di un ulteriore collaboratore in futuro (dato che riteniamo siano già più che sufficienti i collaboratori attuali, soprattutto facendo il confronto rispetto ad altri ordini). Il Presidente riferisce che quella postazione di lavoro per il momento è preventiva, in quanto l’ulteriore collaboratore potrebbe, come non potrebbe, essere necessario. Aggiunge che difficilmente un Ordine piccolo come il nostro possa aver bisogno di una figura dirigenziale e che comunque non abbiamo ad oggi collaboratori con competenze per questo ruolo, infine non si esclude che gli attuali collaboratori debbano fare dei corsi di comunicazione oltre che sulle relazioni interpersonali per migliorare l’analisi dei bisogni degli iscritti che contattano l’Ordine.

Noi Consiglieri del gruppo di AP facciamo presente che i documenti in entrata di qualsiasi tipo (cartacei, mail…) indirizzati ai Consiglieri dovrebbero essere inviati per conoscenza agli stessi e non solo al Presidente, come invece è stato inserito nel regolamento in questione dall’ordine del giorno; infatti diversi colleghi si sono lamentati con noi consiglieri di AP perché non avevano ricevuto risposta a mail inviateci, mail che però non ci sono mai arrivate. Pertanto, chiediamo di poter modificare il regolamento. A tal proposito il Presidente si oppone vivamente, quando gli si chiede una spiegazione ci liquida dicendo semplicemente che non ne ravvede la necessità. In maniera molto poco democratica ci toglie la parola e mette a votazione, ribadendo che “non accetta più questo comportamento” .

Ma secondo voi è un comportamento scorretto chiedere spiegazioni e modifiche?? Non siamo anche noi parte del Consiglio? Non rappresentiamo anche noi i colleghi che ci hanno votato???

A seguito di tutto ciò decidiamo di votare contrari ad un regolamento a cui non abbiamo potuto partecipare neanche con semplici modifiche, pertanto chiediamo di mettere a verbale tali modifiche e le osservazioni riportate e dichiariamo che non è stato possibile fare tutte le osservazioni necessarie per la votazione perché il Presidente ha bloccato il confronto, andando avanti forzatamente. Il Presidente fa mettere a verbale:  Non rispondo! 😮  …e anche noi siamo senza parole!

 

Punto 4: “Dipendenti orario lavoro, rilevazione presenze, richieste ferie, permessi brevi, recupero ore, orario flessibile”.

Scopriamo che è una semplice comunicazione, non c’è nulla da votare.

 

Punto 5: “D.Lgs 196/2003: aggiornamento DPS ( Documento programmatico sulla Sicurezza) e conferimento incarichi”

Il Presidente illustra il Documento Programmatico sulla Sicurezza, una incombenza obbligatoria, che è stato aggiornato dall’ultima versione del 2006, comunicando i nominativi dei responsabili dei dati sensibili. Il Presidente procede ad un’analisi dei rischi sui dati sensibili, per cui comunica l’intenzione di istallare anti virus e due casseforti (Pescara e L’Aquila). Inoltre precisa, dopo nostra richiesta, che gli incarichi non sono retribuiti.  Punto approvato all’unanimità.

 

Punto n. 6: “Ratifica delibera Presidenziale n.1 del 2 febbraio 2015”:

Purtroppo iniziamo proprio “bene”: la nuova sede di L’Aquila ha già avuto un problema da risolvere con urgenza, la rottura di una tubazione nel bagno che arreca danni al piano sottostante, quindi intervento urgente, che ci costa diversi euro. È stato approvato all’unanimità vista l’urgenza, ma è interessante capire quanto sia assurdo dover effettuare un intervento del genere in un appartamento appena acquistato, ma che purtroppo non è nuovissimo.

 

Punto 7 : “Decreto 8 febbraio 2013, n. 34: istituzione sezioni speciali Albo degli Psicologi della Regione Abruzzo ( c.d. STP e SM )”

Si approva la costituzione di due sezioni dell’Albo speciali per le società di professionisti e le società multidisciplinari (Vi spiegheremo nello specifico in cosa consistono queste nuove forme di Società  e come vengono iscritte all’Ordine in una articolo apposito, sarebbe troppo lungo). Approvato all’unanimità.

 

Punto n. 8 : “Approvazione preventivi arredi Sedi di L’Aquila e Pescara “

Si delibera per l’acquisto di arredi per terminare di sistemare le sedi di L’Aquila e Pescara. Essendo entrambi le sedi acquistate da poco, hanno ancora bisogno di alcuni arredi per renderli funzionali (es. proiettore, telo per la proiezione, tende, ecc.). La consigliera D’Angelo (AP), che nei giorni precedenti aveva richiesto tramite mail PEC (a cui non ha avuto nessuna risposta!!…sempre alla faccia della trasparenza!) di visionare i preventivi, chiede di visionarli al momento e solo dopo averne preso visione, si approva all’unanimità.  La consigliera D’Angelo (AP) chiede, ancora una volta, che in futuro i preventivi vengano inviati in anticipo ai consiglieri, così da avere modo di valutarli in maniera più attenta.

 

Punto 9: “Programma attività culturali e formative anno 2015”

Il presidente ci comunica che ha intenzione di organizzare nei prossimi mesi  diversi convegni per i colleghi e attività seminariali per i Consiglieri. Veniamo così a scoprire che A BREVISSIMO, il 7 marzo 2015, ci sarà un convegno per i colleghi a Giulianova di cui, noi consiglieri di AltraPsicologia, la minoranza per intenderci, non ne eravamo a conoscenza.

 

Di nuovo ci troviamo davanti a cose fatte, senza nessuna condivisione!

Questa modalità di lavoro è molto grave per due motivi:

1. il Consiglio dell’Ordine è un organo collegiale e non monocratico,

2.la completa mancanza di rispetto verso i colleghi che tutti i Consiglieri rappresentano. Escludendo dei consiglieri, viene esclusa una parte di colleghi!!!

 

Viene descritta l’importanza di questo Convegno in cui l’Ordine andrà a discutere sui differenti ruoli dell’Ordine e del sindacato (AUPI). Si parlerà del Decreto Legge per la stabilizzazione dei precari nelle Asl, che permetterebbe di sistemare tra 20/25 psicologi in Abruzzo, ribadendo che è prerogativa dei Sindacati occuparsi di tale compito. Altro argomento sarà lo psicologo di base.

 

ADESSO ATTENZIONE: il Presidente passa la parola al Consigliere Mammarella, il quale ci propone…..udite…udite…una giornata nel mese di maggio su “Open day della psicologia, nuovi sbocchi professionali per gli psicologi”, in cui ci saranno esperti in diverse aree poco conosciute della psicologia…..bene….se ci seguite vi sembrerà di aver già sentito qualcosa di simile, ebbene si….perché è questo evento assomiglia in maniera spaventosa al Convegno che l’Associazione AltraPsicologia Abruzzo ha organizzato per il 7 marzo presso l’Università “G.D’annunzio” di Chieti! NON VI SEMBRA STRANO!?!?

A questo punto capite, che il nostro stupore è stato notevole!! Cosa sarà successo mai? Saranno a corto di idee? Avranno il dono della lettura del pensiero? O cosa? Chissà!!…. Ma se credevano di stupirci con effetti speciali, imitando un convegno, ci hanno dimostrato, forse invece che le idee di AP sono belle, fresche e innovative.

Per correttezza, facciamo presente che ci sarà una sovrapposizione di date tra il Convegno organizzato dall’Ordine per il 7 marzo a Giulianova e quello di Altrapsicologia: questo ci dispiace perché sembra quasi che questi due eventi siano in concorrenza, ma ciò è accaduto semplicemente perché noi Consiglieri di AP non siamo informati delle attività dell’Ordine stesso a cui apparteniamo.

Si prosegue discutendo dell’importanza che ha per la professione il dialogo tra Ordine ed istituzioni. Qui esultiamo perché finalmente troviamo un punto su cui siamo pienamente d’accordo ed aggiungiamo che oltre al dialogo con le istituzioni bisogna dialogare con i cittadini, scendere tra la gente come Ordine, per promuovere e far conoscere le specificità della nostra professione alla gente, ad esempio partecipando a specifici eventi. A tal proposito proponiamo delle attività da poter svolgere come Ordine (le trovi qui).

 

Punto 10: “Inaugurazione sede Istituzionale de L’Aquila: intitolazione Sala Consiliare e riconoscimenti” : Il Presidente comunica la volontà di organizzare una giornata, per inaugurare la Nuova sede istituzionale di L’Aquila,intitolando la sala Consiliare ad una figura importante nella storia della psicologia abruzzese, e successivamente dare dei riconoscimenti.

 

Punto 11: “Comunicazione del Presidente”

Il Presidente ci aggiorna riguardo le commissioni paritetiche sui tirocini nelle Università di L’Aquila e Chieti.

 

Grazie per l’attenzione e continuate a seguirci!

 

I Consiglieri:

Lisa Bellaspiga

Angelo Collevecchio

Cinzia D’Amico

Marida D’Angelo

Stefania Marinelli

Zoppo Luigi