Report Consiglio Luglio 2016: quanto ci costa il benessere?

disposizione consiglio completo

Il consiglio, previsto per le 15.30, ha inizio alle 16.00 con alcune comunicazioni del Presidente:

Protocollo Polis. È stato rinnovato il protocollo POLIS con conseguente riapertura della shortlist. La Presidente Bozzaotra sottolinea che questo protocollo crea occupazione, in quanto prevede una retribuzione dopo il terzo colloquio, secondo la parcella del professionista. Questa informazione appare anche sul sito dell’Ordine, alla pagina delle news dal consiglio. Tuttavia, andando a leggere il protocollo, scopriamo che la retribuzione è prevista dopo 4 colloqui gratuiti, e che laddove emerga la necessità di una successiva psicoterapia, il professionista applicherà la tariffa minima del tariffario degli psicologi. Ricordiamo a tutti che dal decreto Bersani D.L. 223/06 il tariffario professionale è stato abolito. Lo si può comunque citare specificando che è a esclusivo scopo indicativo. Cosa che nel protocollo non è specificato.

"Starving" piggy bankGraduatoria INAIL. È stata pubblicata la graduatoria per il protocollo INAIL, che prevede una retribuzione sin dal primo colloquio. Fantastico, se non fosse che per ottenere l’incarico, i colleghi hanno dovuto partecipare a un bando con offerta economica al ribasso. In pratica, ha vinto il bando chi ha accettato di farsi pagare meno.

ECM. A giugno si sono tenuti due eventi ECM con più di 100 partecipanti (su oltre 6000 iscritti). Inoltre, un evento su BES e DSA è stato accreditato per gli ECM.

Servizio Civile. È stato indetto il bando per il Servizio Civile Nazionale per l’individuazione di 8 volontari per un progetto di monitoraggio sui centri antiviolenza.

Giornata Nazionale della Psicologia. Il CNOP ha fissato per il 10 ottobre la giornata nazionale della psicologia, durante la quale ogni Ordine regionale dovrà organizzare delle iniziative. È stato inoltre istituito un tavolo di neuropsicologia curato, per la Campania, dal consigliere Lepore, e dal Preside di Psicologia della SUN Grossi. Il consiglio ha deliberato di stanziare 5000 € per le attività di tale giornata.

A questo punto, il consiglio prosegue a porte chiuse per le comunicazioni del Segretario, poiché verranno fatti dei nomi. Sacrosanto, è un aspetto che tutela tutti noi iscritti. Peccato però che quando le porte si riaprono il punto all’OdG sia il recupero delle quote e la sospensione per morosità di 74 colleghi, e qualche nome viene fatto. Ovviamente noi di AP non li riportiamo.

La segreteria si sta avvalendo di una terza persona per potenziare il servizio. Dal momento che ad agosto la segreteria è chiusa, il contratto sarà sospeso per poi essere ripreso a settembre.

E veniamo alle tanto attese delibere per finanziare la settimana del Benessere, che si terrà dal 7 al 12 novembre. Il tema sarà “Cambiamento e partecipazione”. Ancora una volta nelle “news dal consiglio” pubblicate sul sito dell’Ordine sono menzionati solo i punti da deliberare e non le cifre stanziate. Ancora una volta, ve le diciamo noi.

pallottoliere
Avete il pallottoliere a portata di mano?

Bene!

  • La progettazione grafica è affidata come ogni anno a Giuseppe Wirz per una spesa massima di 1500 euro.
  • Le stampe per pubblicizzare l’evento, che comprendono 10mila opuscoli, 40mila segnalibri, 4mila locandine piccole, 2000 medie, 400 manifesti e 2mila quaderni, per una spesa massima di 15000 euro.
  • Costi di affissione nella regione e di noleggio di un camion a vela che girerà per Benevento per 5 giorni: 19000 euro.
  • Inserzioni su periodici e radio: 10000 euro.
  • Gadget per i sindaci e i colleghi (e per un non meglio specificato “impegno dei consiglieri”): 15000 euro.
  • Trasporti, spedizioni, rimborsi e spese non specificate: 10000 euro.
  • Spot in onda su videometrò Napoli: da deliberare a settembre perché non sono ancora arrivati i preventivi.
  • Incentivo per la segreteria per il carico di lavoro in più relativo all’organizzazione degli eventi: 1000 euro.

Avete fatto i conti?

71500 €
senza contare lo spot in Metropolitana.

Ma, siccome non si vive di solo denaro, vogliamo raccontarvi le dinamiche di queste delibere. Ad ogni votazione la lista “Professione Psicologo” si dichiara contraria. Il consigliere Del Forno, invece, prende la parola in diversi casi, obiettando di non poter deliberare un capitolo di spesa senza aver fatto una preventiva valutazione della stessa, e di non poter stanziare fondi senza una precisa destinazione. Tuttavia, nel momento stesso in cui avanza tali perplessità, afferma di voler fare solo degli appunti “formali” e di non avere alcun problema a votare a favore.

E, infatti, vota a favore.

Al termine delle delibere, la lista di minoranza chiede che vengano messe a verbale delle dichiarazioni.

In particolare la minoranza lamenta di non aver ricevuto, prima del consiglio, il materiale per la discussione delle delibere; e di trovare eccessiva la spesa per la Settimana del benessere a fronte di un’assenza di dati che ne dimostrino la reale efficacia nell’incrementare il lavoro degli psicologi o la soddisfazione percepita dagli stessi, al di là di una semplice operazione di visibilità.

Siamo colpiti dal fatto che i consiglieri stessi non abbiano le informazioni necessarie a studiare i capitoli di spesa da deliberare, e ci colpisce ancor di più come mai alla maggior parte dei consiglieri questo stia bene, e chi invece non è d’accordo si limiti a esprimere un dissenso verbale dopo l’accettazione delle delibere.

Ecco le risposte del Presidente:

Dapprima, riprende i consiglieri dissidenti dicendo che “evidentemente” si sono persi il convegno sui contesti che ha avuto un grande successo visto che sono arrivati 300 contributi, e questo parrebbe significare che automaticamente qualsiasi iniziativa dell’Ordine è un successo. Senza dubbio molti colleghi colgono con comprensibile interesse l’occasione di avere una pubblicazione, ma non crediamo che questo possa essere definito come un grande fermento intellettuale e lavorativo.

padre autoritarioIn seconda battuta, ricorda ai presenti che l’Ordine non è un ente di ricerca ma una struttura politica, il cui compito è trovare attività che diano visibilità ala professione. (E noi che pensavamo che il compito primario di un Ordine Professionale fosse quello di garantire i cittadini sulla qualità delle prestazioni svolte dagli iscritti.)

Conclude dicendo “fin quando sarò Presidente la riproporrò”. Un po’ come quei padri di famiglia all’antica al grido di “finchè stai sotto al mio tetto…”

Infine sostiene che proporre una ricerca sulla soddisfazione dei colleghi significhi fare “abuso della professione di ricercatore”, in quanto fare una ricerca sul grado di soddisfazione degli psicologi è roba da specialisti, e non si può fare così alla buona.

Lasciamo alla vostra immaginazione la scena delle facce e il gelo che per un attimo è calato nella stanza. Questa simpatica burla, comunque, non viene messa a verbale per espressa richiesta del Presidente.

A questo proposito interviene anche la tesoriera Piccirillo, sostenendo che il convegno sui contesti abbia già ampiamente analizzato le aree di lavoro dei colleghi .Logo Stanhome Changing Lives CMJN

Insomma, pare che questo convegno sui contesti sia la risposta a tutto, un po’ come lo sgrassatore della Stanhome.

E poi non ci è chiara una cosa: un questionario sull’impatto sul lavoro dei partecipanti alla Settimana del Benessere è un lavoro troppo specialistico e gravoso, ma aver fatto un convegno sui contesti si può definire un’analisi del lavoro degli psicologi in Campania?

Ad una domanda sulla possibilità di organizzare la Settimana del Benessere a livello nazionale, il Presidente, tralasciando tutte le principali motivazioni di carattere organizzativo e amministrativo, sottolinea che altri Ordini Regionali non vogliono investire simili somme e invece quello campano si.

Forse bisognerebbe chiedersi come mai altri Ordini decidono di investire diversamente i fondi a disposizione. Qui non è in questione la cifra in senso assoluto, che se ben investita può davvero portare un valore aggiunto alla categoria. Qui il punto è la cifra relativamente ai risultati ottenuti.


Ad esempio in Piemonte (Ordine a maggioranza AP) si tiene il Festival della Psicologia, e i risultati sono stati mostrati anche dai media.

folla da stadio

Così titolava La Repubblica in riferimento al Festival della Psicologia organizzato dall’Ordine del Piemonte.

Tutta questa querelle si conclude infine con una chiosa finale del Presidente, che afferma che volendo si potrebbero mandare le delibere ai consiglieri (come previsto da regolamento) e di conseguenza “rallentare per fare le cose secondo le regole”.

Dunque chiedere che le cose siano fatte come si deve equivale a fare ostruzionismo?

Ad ogni modo, ci sembra che a parte un paio di alzate di mano, si respiri un clima di grande distensione e amicizia nel consiglio, un’armonia tale da rendere difficile ricordare chi stava nella maggioranza e chi nella minoranza, al momento dell’insediamento.

Ed ora giungiamo al punto che sta maggiormente a cuore a tutti gli iscritti: l’agenda.

Quest’anno le agende si prenoteranno ma non saranno spedite. Potranno essere ritirate presso la sede dell’Ordine o presso alcuni punti di raccolta nei capoluoghi. Saranno spedite solo dietro espressa richiesta. Per le agende vengono stanziati 20000 euro.

È stato inoltre rinnovato l’incarico all’assistente alla comunicazione per 19000 euro lordi.

È in previsione la digitalizzazione dell’archivio. Per il momento è stato valutato un preventivo di 30000 €, ma la relativa delibera è rimandata a settembre.

Dal 22 al 24 settembre si terrà il convegno AIP, patrocinato dall’Ordine. Per tale evento il consiglio ha deliberato un contributo di 1000 €.

In conclusione, in questo luglio cocente niente di nuovo sotto il sole: vivaci alterchi; consiglieri che arrivano e vanno via praticamente a qualunque ora, in alcuni casi presenziando per non più di un’ora al consiglio, e percependo comunque il gettone di presenza; stanziamenti ingenti con un’incompleta informazione delle stesse persone che deliberano…

Il tema holidaydella settimana del benessere è “cambiamento e partecipazione”…speriamo che il Consiglio tutto si lasci ispirare in tal senso.
Insomma, certe modalità si ripetono e non vanno in vacanza.

Per fortuna, non ci va neanche AltraPsicologia.