Il Genogramma: strumento di anamnesi e terapia

Nel suo percorso professionale lo psicologo può utilizzare diversi strumenti psicologici e conoscerne sempre di nuovi. Tra questi si colloca il Genogramma, nato e utilizzato principalmente all’interno del contesto teorico sistemico relazionale ma utilizzabile e integrabile anche in percorsi di diversi orientamenti psicoterapeutici e in diversi ambiti applicativi (psicologia forense, psicologia di comunità, etc). Infatti, questo strumento può essere utilizzato nel contesto psicologico-clinico sia come supporto anamnestico che come intervento clinico vero e proprio.

Il Genogramma nasce in una cornice teorica che prende in considerazione l’importanza degli aspetti trigenerazionali della famiglia nello sviluppo dei sintomi e disagi individuali, proposta da Bowen (1979). Alla luce di tale teoria Mc Goldrick e collaboratori (1985) hanno codificato un diagramma grafico capace di rendere segni e simboli un linguaggio comune.

Altra Psicologia Lazio vi aspetta a Roma per descrivere questo strumento e ragionare assieme alla collega Luana Morgilli la versatilità e le possibilità applicative.

Infatti durante l’evento verrà illustrato il Genogramma con le sue potenzialità cliniche nel ricollocare i pazienti all’interno della propria storia di vita individuale e familiare e nella rete degli affetti e dei legami significativi. Questo è possibile perché il lavoro messo in atto con tale strumento non si limita alla raccolta di fatti, personaggi e date ma stimola nella persona momenti di riflessione tali da favorire nuove letture degli avvenimenti arricchendo così la gamma dei pensieri intorno alla storia familiare.

Vi aspettiamo Lunedì 8 Luglio 2019, a Roma, dalle 18.30 alle 20.30 in Via degli Aurunci 34 (zona San Lorenzo) presso la sede di LiquidPlan srl.

L’evento è gratuito ma è necessario iscriversi a questo format:

https://forms.gle/ZwQSrumj9momeeYJ8