LIVE DAI CONSIGLI OPL . Tra ECM e Coronavirus

Non fai in tempo ad appassionarti alla sede di OPL che (toh!) all’improvviso ti ritrovi davanti un microorganismo di circa 130 nm che ti dice “ehi consigliere OPL, io ti avviso che questa è l’ultima volta che ti vedi al Bar Gatto con i tuoi amichetti a discutere di che posizione prendere durante il consiglio”. Il microorganismo in questione è il famoso coronavirus.

L’ultimo consiglio alla presenza di tutti i consiglieri è stato il 20 febbraio. L’ordine del giorno è di nuovo molto lungo ma ben sappiamo che molte cose si giocano al primo punto: ECM!
 Chiarire la “questione ECM” per noi è molto importante, soprattutto in una regione dove lo stesso ordine regionale è provider ECM e l’attuale maggioranza ha più volte raccontato di “sanzioni” e “obblighi”.
A tal proposito abbiamo chiesto ed ottenuto la presenza dell’Avvocato Koehler, il quale aveva redatto il parere allegato alla newsletter che OPL aveva inviato a tutti i colleghi il 31 gennaio, causando uno sbandamento ormonale a tutti gli psicologi lombardi.
La discussione è stata lunga e articolata, ci sono stati presentati i piani normativi, i pareri legali e come si stanno muovendo altri ordini professionali. Abbiamo chiesto da cosa l’avvocato avesse evinto l’obbligatorietà, dato che tuttora non esistono normative stringenti in merito.

Il risultato per noi è positivo poiché lo stesso legale ha dovuto ammettere che si trattava di una mera interpretazione.

PSICOLOGI E MUNICIPI. Nel punto successivo è stata fatta la rendicontazione sul progetto rivolto ai cittadini. Sulla questione abbiamo auspicato un allargamento e un incremento dei colleghi coinvolti in modo da poter raggiungere più agevolmente anche le periferie.

IL PRESIDENTE OPL NOMINATO VICEPRESIDENTE CNOP. Una nota a parte merita la comunicazione della Presidente Laura Parolin sulla sua elezione a Vicepresidente del CNOP. Abbiamo richiesto data la posizione strategica dell’incarico, che dopo ogni riunione del Consiglio Nazionale venga a riferire puntualmente in OPL sullo stato dei lavori.

PATROCINI E USO SEDE. Sono state recepite diverse modifiche che vanno in direzione di maggiore trasparenza, così come avevamo auspicato e dato conto nell’articolo precedente. Più attenzione sul materiale presentato, normative a favore della tutela della professione e dei diritti e tempistiche di presentazione ben chiare.

LA CASA DELLA PSICOLOGIA. Non si tarda a giungere al punto 11, dove ci sono varie delibere che riguardano La Casa della Psicologia. Si inizia a votare! La prima discussione riguarda l’istituzione di un comitato di indirizzo composto da sostenitori storici dell’attuale maggioranza OPL.

Non si comprende bene la sovrapposizione con i membri del comitato scientifico posto nella votazione successiva. A nostro avviso di un doppio comitato non si sentiva affatto il bisogno! Per questa ragione e per il fatto che non vi è stata una preventiva discussione in merito ai criteri di scelta dei colleghi facenti parte del comitato scientifico, il nostro voto è stato contrario.

COMMISSIONE DI GARANZIA. Sono le 23.30 passate e dobbiamo votare per continuare i lavori. Il taxi che ci porta a casa può ancora aspettare. Dobbiamo prima votare la nomina dei membri della commissione garanzia e dato che da qui in avanti il lavoro ordinistico sarà tutto in salita, con il senno di poi, abbiamo fatto bene a continuare.
La funzione di questa garanzia è quella di favorire la discussione dei temi da trattare in Consiglio tra la maggioranza e la minoranza. 

Della commissione fanno parte tre consiglieri del Direttivo OPL (presidente, segretario e tesoriere) e per la minoranza vengono nominati Luca Granata e Cristina Vacchini per Altrapsicologia e Franco Merlini per Aupi. Voto favorevole!

Quello che accadrà dopo il 20 febbraio ha inevitabilmente spostato l’attenzione del consiglio sull’emergenza sanitaria. Dopo 15 giorni OPL riesce ad organizzare un nuovo consiglio  in cui  viene data la possibilità a ciascun consigliere di scegliere se presenziare in sede o partecipate online. 

CONSIGLIO DEL 5 MARZO

GESTIONE E REALIZZAZIONE EVENTI. Si tratta di scegliere quale società di organizzazione eventi si occuperà di gestire alcune iniziative OPL in Casa della Psicologia. Il punto era stato stralciato dopo la nostra ferma opposizione circa le modalità con le quali erano stati recepiti i preventivi. Non avendo potuto visionare il capitolato di gara, ci siamo ritrovati a scegliere tra quattro/cinque società tra le quali c’era una wedding planner, un’associazione di promozione del Jazz e due realtà senza sito internet.

La maggioranza aveva già proposto l’opzione meno cara, ma a nostro avviso per scegliere forse sarebbe più opportuno domandarsi anche della sua qualità . In questo modo la proposta viene stralciata e ripresentata in questo consiglio. Raccogliamo più elementi, magicamente qualche realtà nel frattempo aveva su un sito internet, comprare una bozza di capitolato e  ci ritroviamo a votare la stessa realtà che la maggioranza aveva proposto al consiglio precedente. Nulla cambia,  però chiediamo più attenzione nella presentazione dei capitolati e nella scelta delle realtà a cui chiedere i preventivi. Voto contrario e andiamo avanti.

COMITATO DELLE PARI OPPORTUNITA’. L’istituzione del comitato è finalizzata al contrasto di eventuali discriminazioni all’interno della categoria professionale. Per AP abbiamo  ottenuto che all’interno venisse nominata la collega Cristina Vacchini. Voto favorevole con la certezza che Altra Psicologia garantirà una voce competente.

GdL NEUROPSICOLOGIA. Si discute ora di questo ambito di cruciale importanza per la nostra professione. La maggioranza aveva già in mente 4 suoi rappresentanti. Noi abbiamo chiesto che venisse concesso anche uno spazio per la  giovane collega Sabrina Verzeletti, che come molti ottimi giovani psicologi che vogliono sbarcare il lunario, è riuscita a creare una bella realtà : il Servizio Bergamasco di Neuropsicologia.

Purtroppo però la maggioranza non ha ritenuto di concedere un posto in più. Motivi curriculari? Anzianità? Budget?
Tale opposizione ci ha indotto a pensare che fosse un “pacchetto” già blindato ma anche che ai colleghi di giovane età, non era dato poter contribuire ai lavori in OPL, abbiamo votato compatti contro!

SERVIZIO TUTORING PER I COLLEGHI. La maggioranza ha proposto il rinnovo dell’incarico alla collega che da qualche anno si occupa del servizio. La scheda di progetto è stata redatta in forma dettagliata ed articolata e complessivamente è parso un servizio di qualità per i colleghi, ragione per cui abbiamo votato favorevolmente.

Il consiglio si chiude con un racconto molto toccante della collega Cinzia Sacchelli, che lavorando nella provincia di Cremona porte le prime forti testimonianze dell’emergenza sanitaria e di come i servizi sanitari pubblici del luogo, nonostante il totale stress organizzativo, stessero reagendo con forza e professionalità.

Come AP vogliamo continuare nel nostro percorso di informazione e trasparenza a favore dei colleghi: riconosciamo  quando la maggioranza mette in campo servizi effettivamente utili e al contrario non facciamo mancare il nostro dissenso quando ravvisiamo che Professione Psicologo esagera nel conferire incarichi ai loro sostenitori elettorali.

Il successivo consiglio si è svolgerà il 26 marzo in modalità online e come giustamente eravamo stati avvisati dal nostro nemico da “130 nm”, il Bar Gatto non ci ha visto e non ci vedrà per un po’ di tempo, risparmiandosi le nostre “noiose” discussioni pre consiglio su ordini del giorno, maggioranza, minoranza e opposizione.

Nonostante tutte le difficoltà che stiamo affrontando, assicuriamo ai colleghi che il nostro impegno su tutti i fonti permarrà immutato!