Il lavoro dello psicologo: storia di vita professionale

Vogliamo uscire dai soliti schemi che vedono noi Psicologi imbrigliati in mansioni che non ci appartengono e abbiamo deciso di esplorare alcuni ambiti applicativi del nostro lavoro offrendo ai colleghi che si affacciano alla professione una breve panoramica di ciò che possiamo fare, di quanto possiamo offrire anche in quei campi che ci sembrano distanti.

PSICOLOGIA E STORYTELLING. Raccontare storie è il nostro strumento per venire a patti con le sorprese e le stranezze della condizione umana. Secondo Gianni Rodari le storie rendono l’inaspettato meno arcano: addomesticano l’imprevisto.
Nel nostro lavoro da clinici l’utilizzo delle storie serve a parlare con i pazienti (siano questi adulti o bambini) in modo indiretto, immaginoso ed implicito di esperienze, processi o cambiamenti che possono contribuire a risolvere i loro problemi e suggerire nuovi modi per far fronte alle difficoltà. E’ dunque possibile modificare il sentimento intimo di una persona agendo sui racconti che la circondano, su ciò che dice a sé stesso, così come sulla maniera in cui viene detto.
Ma ciò non vale solo per la clinica: lo Storytelling – declinato in tutte le sue forme- è uno strumento che sta entrando sempre più a far parte della cassetta degli attrezzi di tutti gli Psicologi.

E’ proprio a partire da queste riflessioni che è nata la voglia di creare questo progetto: raccontarti delle storie!

LAVORARE SI PUO’! Abbiamo scelto di farlo attraverso lo strumento della testimonianza diretta di colleghi che svolgono con soddisfazione la propria attività professionale: uno Storytelling che vuole trasmettere un sostanziale messaggio di fiducia alle nuove generazioni di colleghi: “lavorare si può!” .
E visto che stiamo parlando di storie, come in ogni storia che si rispetti, per arrivare a questo lieto fine i colleghi intervistati hanno attraversato delle criticità, superato delle avversità, hanno riscoperto delle nuove risorse.
Questo è il futuro lavorativo che vogliamo raccontare: non sempre semplice e che porta con sé una buona dose di fatica ma che, superata la sfiducia spesso in agguato agli inizi, è più vicino di quanto si possa immaginare. Qui puoi trovare la prima video-testimonianza della collega Ilaria Scandiuzzi, psicologa del lavoro ed esperta in ergonomia cognitiva.


E ORA… RACCONTACI TU UNA STORIA! Queste sono le storie che noi abbiamo scelto, ma vogliamo conoscerne altre!
Se anche tu hai una storia di soddisfazione professionale da raccontarci puoi compilare questo form o inviare un breve video (massimo 2/3 minuti) all’indirizzo mail: piemonte.altrapsicologia@gmail.com
Lo staff avrà cura di selezionare alcune delle storie pervenute trasformandole in “pillole” da pubblicare sui nostri canali Facebook e Youtube. Contatteremo inoltre alcuni di voi per delle interviste più strutturate che verranno incluse in un Ebook che sarà distribuito gratuitamente ai colleghi piemontesi.