image_pdfimage_print

Probabilmente la notizia non è molto nota ma ancora oggi è possibile essere assunti come Psicologi o Psicoterapeuti dal Servizio Sanitario Pubblico.

Lo strumento che definisce i termini di questa possibilità è completamente diverso dal famigerato “Concorso Pubblico” ed è costituito dall’”Accordo Collettivo Nazionale  per la disciplina dei rapporti con i medici specialisti ambulatoriali interni ed altre professionalita’ sanitarie (biologi, chimici, psicologi) ambulatoriali ai sensi dell’art. 48 della legge n.833/78 e dell’art.8 del d.lgs. N. 502 del 1992 e succ. Modd. e integrazioni” firmato il  9/02/2005.

L’Accordo Collettivo Nazionale (ACN) rappresenta l’aggiornamento di accordi predisposti negli anni precedenti con i quali Stato, Regioni e Sindacati, convenendo sulla necessità di rispondere in modo adeguato alla crescente domanda di salute – anche alla luce della Legge Costituzionale 18 ottobre 2001 n. 3 che affida piena potestà alle Regioni in materia di salute – individuano “il territorio” quale punto di forza per la organizzazione della risposta sanitaria, in una logica di integrazione socio sanitaria e di attivazione di un sistema di cure primarie integrato tra ospedale e territorio, riservando all’ospedale l’intervento per le sole patologie che necessitano di ricovero.

Negli anni sono stati quindi costituiti una serie di presidi extraospedalieri (es. Poliambulatori) integrati nel territorio con lo scopo di individuare e di intercettare il bisogno di salute dei cittadini per garantire, su tutto il territorio nazionale, da parte del sistema sanitario, la erogazione ai cittadini dei livelli essenziali di assistenza (LEA) e realizzare la continuità dell’assistenza di cui fanno parte anche le professionalità psicologiche (Specializzazioni in Psicologia e Psicoterapia).

Il Servizio Sanitario Nazionale (SSN) demanda al livello “dell’assistenza specialistica” distrettuale definita dall’ACN il compito di corrispondere ad ogni esigenza di carattere specialistico che non richieda e/o tenda ad evitare la degenza ospedaliera, perseguendo anche gli obiettivi di ricondurre le liste di attesa entro tempi accettabili, contribuire alla umanizzazione del rapporto assistenziale, al mantenimento del paziente nel proprio luogo di vita, alla eliminazione degli sprechi, alla riduzione dei tempi di attesa ed alla minimizzazione dei costi

Ora, i Medici specialisti ambulatoriali e gli altri Professionisti Sanitari ambulatoriali (Biologi, Chimici e Psicologi) sono parte del S.S.N. ed il meccanismo della loro “assunzione” al lavoro da parte delle Aziende Sanitarie Locali è alquanto complesso e definito, appunto, dall’ACN di cui sopra.

Intanto il loro numero e le ore di lavoro vengono definiti dalle singole ASL con delibere formali, in relazione agli obiettivi territoriali.

Il professionista che aspiri a svolgere la propria attività professionale nell’ambito delle strutture ambulatoriali del SSN, in qualità di sostituto (assunto a tempo determinato) o incaricato (assunto a tempo determinato o indeterminato), deve inoltrare domanda, entro e non oltre il 31 gennaio di ciascun anno al Comitato Consultivo Zonale nel cui territorio di competenza aspiri ad ottenere l’incarico (vedi il modello di domanda).

In ogni ambito provinciale, infatti, è stato costituito un Comitato Consultivo Zonale che, ricevute le domande dei singoli professionisti, cura la formazione e la gestione di graduatorie definite in base ai titoli curriculari dei candidati.

Il Comitato ricevute le domande entro il 31 gennaio di ciascun anno provvede, teoricamente entro il 30 settembre, alla formazione di una graduatoria per titoli con validità annuale.

Gli Psicologi, dicevamo, possono partecipare alla graduatoria per la specializzazione in “Psicologia” e, se hanno il riconoscimento dell’attività Psicoterapeutica con iscrizione all’elenco degli Psicoterapeuti presso l’Ordine, anche a quella di “Psicoterapia”.

Le delibere delle ASL per l’attivazione di nuovi turni o per l’ampliamento di quelli in atto e per la copertura dei turni resisi disponibili vengono poi pubblicate da ciascuna ASL sull’albo del Comitato Zonale nei mesi di marzo, giugno, settembre e dicembre, dal giorno 15 alla fine dello stesso mese.

Sono quindi attualmente in pubblicazione le delibere del mese di giugno 2007; a settembre verranno pubblicate le eventuali nuove richieste.

I professionisti che aspirano ai turni resisi disponibili presso le ASL afferenti al proprio Comitato Zonale di competenza devono comunicare, con lettera raccomandata, la propria disponibilità allo stesso Comitato Zonale stesso entro il 10° giorno del mese successivo a quello della pubblicazione (quindi per le richieste di giugno 2007 entro il 10 luglio prossimo). Il Comitato Zonale provvederà a Comunicare alla ASL l’avente diritto sulla base della graduatoria formulata.

Da notare che le ASL possono sia richiedere il possesso di particolari capacità professionali al professionista ambulatoriale (esperienza o formazione particolari) in relazione a specifici obiettivi e progetti aziendali – e qui la possibilità di richieste tagliate sulla situazione degli ‘amici’ è grande – che far ricorso, per le sostituzioni in caso di assenza inferiori a 30 giorni, alle “designazioni” del sostituto da parte del collega interessato, quello che si assenta (!).

In base a questo Accordo, però, è possibile l’assunzione del professionista da parte della ASL (con tutte le garanzie e le tutele contrattuali previste) sia a tempo determinato – in caso di sostituzione di professionisti assenti o di specifici progetti ASL – oppure a tempo indeterminato, per la copertura di turni vacanti.

Attenzione! Ribadiamo che non è sufficiente presentare la domanda di ammissione alla graduatoria ma è necessario dare formalmente la propria disponibilità ogni volta che c’è la richiesta della propria professionalità da parte di una ASl e si è interessati all’incarico. Se non si presenta questa dichiarazione di disponibilità non si viene comunque presi in considerazione.

Il SUMAI (sindacato unitario medici ambulatoriali) è l’ente sindacale più attivo in questo settore. Sul suo sito (www.sumaiweb.it) si trovano tutte le informazioni essenziali per partecipare a questa ‘lotteria’ che comunque è un barlume di speranza in un contesto lavorativo per il resto desolante.

Il sistema definito dall’ACN sta andando a regime solo in questo periodo.

In questa tornata, quella di giugno 2007, ci viene segnalata la disponibilità di turni per specialisti in Psicologia e Psicoterapia presso alcune ASL della Toscana come segue:

PISA

Branca: Psicologia

Ente:ASL 5

Incarico: annuale con possibilità di rinnovo per Professionisti Psicologi

N° ore: 12 sett.li

Sede e orario: UFSMIA Azienda n. 5 di Pisa – Zona Valdera

Note: lo schema di domanda può essere reperito anche nel sito internet: www.usl5.toscana.it/cgi-bin/news.pl?type=1&id=5

Si richiede il possesso di  titoli formativi relativi all’età evolutiva e competenze certificate nella diagnosi e riabilitazione dei disturbi neuropsicologici-cognitivi (autocertificazione).

GROSSETO

Branca:Psicologia

Ente:ASL  9

Incarico:

N° ore: 24 sett.li

Sede e orario:

Note: sono richieste particolari capacità in Disturbi Alimentari.

Branca:Psicologia

Ente:ASL  9

Incarico:

N° ore: 30 sett.li

Sede e orario:

Note: sono richieste particolari capacità in problematiche psicologiche  delle dipendenze.

AREZZO

Branca: Psicologia Ambulatoriale I turno

Ente: ASL 8

Incarico: turno temporaneo annuale

N° ore: 19 sett.li

Sede e orario: Zona Valdarno. Numero 4 accessi settimanali da concordare. Tali accessi potranno subire delle modifiche per esigenze di servizio in accordo con il Direttore D.S.M.

Branca: Psicologia Ambulatoriale II turno

Ente: ASL 8

Incarico: turno temporaneo annuale

N° ore: 12 sett.li

Sede e orario: Zona Valdarno. Numero 3 accessi settimanali di 4 ore ciascuno. Tali accessi potranno subire delle modifiche per esigenze di servizio in accordo con il Direttore D.S.M.

Per ulteriori informazioni collegarsi al sito www.toscana.sumaiweb.it.

I turni delle singole province devono comunque essere affissi presso le sedi dei Comitati Zonali. Il sito del SUMAI, raggiungibili dalle sezioni regionali, riporta le disponibilità di diversi Comitati Zonali ma non di tutti.

In bocca al lupo ai colleghi.

Felice D. Torricelli