image_pdfimage_print

Diamo i numeri!

Nel 2012 il 55,5 % delle famiglie italiane dispone di un accesso a internet: il numero di persone che accede alla rete è in costante crescita, soprattutto tra i più giovani (nella fascia 11-34 anni la percentuale schizza sopra il 75%!).

Si sta sempre più riducendo il divario tra maschi e femmine e lo status sociale rappresenta una variabile sempre meno significativa sulla possibilità di utilizzare internet (Fonte ISTAT).

In Italia si effettuano mensilmente su internet circa 200 milioni di ricerche che riguardano la salute (Fonte: dati presentati da Karem Nahum, Chief Digital Officer dell’Istituto Humanitas di Milano agli Internet Days – Milano, Ottobre 2013).

Sempre più italiani cercano su internet notizie circa la propria salute, con una frequenza maggiore di quanto non si faccia col medico di base!

Cifre da capogiro?

Sì!
Soprattutto se iniziamo a pensare al valore che può assumere il sito dell’Ordine degli Psicologi all’interno di un mutamento sociale così profondo!

TUTELA PER I CITTADINI e PROMOZIONE PER LA PROFESSIONE: sono queste le due colonne portanti di un Ordine 2.0.

Un Ordine innovativo, capace di utilizzare strategicamente tutte le risorse del web per essere presente e riconoscibile all’interno della società e per essere costantemente al fianco dei suoi iscritti.

Un Ordine che manda in soffitta la comunicazione unidirezionale e unicamente istituzionale e che si apre alle più efficaci strategie comunicative.

Facciamoci trovare lì dove i cittadini cercano informazioni sulla propria salute e sul proprio benessere!

Queste le nostre proposte concrete per un’istituzione sempre più innovativa!

Innanzitutto un nuovo sito internet, graficamente più accattivante e strutturalmente più fruibile, sia da pc sia da tablet e telefonini, con sezioni dedicate ai cittadini e alle aziende, dove sarà possibile consultare articoli scientifici e divulgativi sulla psicologia e sul benessere psicologico, dove sarà possibile rendere lo psicologo un professionista sempre più presente e riconoscibile nella quotidianità delle persone.

Dovrà essere un sito web che si apre alle istituzioni e alle aziende, dove sarà possibile far emergere la figura dello psicologo, non solo clinico, come professionista capace di intervenire in modi efficaci nel contesto lavorativo, scolastico, ecc…

Un sito web che dia VISIBILITA’ AI SUOI ISCRITTI! Perché mai dovremmo pagare uno dei tanti elenchi a pagamento quando il sito del nostro Ordine professionale può darci tutto ciò che ci occorre??

Un sito web che si fa, inoltre, spazio di conversazione e colleganza tra gli psicologi! Con un proprio forum interno, un’area riservata dove sarà possibile scaricare contenuti free utili alla professione; che implementi la possibilità di formazione a distanza! Soprattutto dopo la modifica dell’Art.5 del Codice Deontologico, è fondamentale che l’Ordine offra la possibilità di un continuo aggiornamento GRATUITO e di QUALITA’ ai suoi iscritti, senza necessariamente l’obbligo di spostarsi fino a Napoli! Più comodo per gli psicologi, più economico per l’Ordine!

Ma non ci si può limitare solo a questo!

La seconda attività per cui gli italiani utilizzano internet è consultare i social network: facebook, twitter, youtube, linkedin.

Sarà allora necessario rendere visibile e rintracciabile la figura dello psicologo e tutte le sue potenzialità attraverso Fanpage e gruppi su Facebook per agganciare l’utenza e le istituzioni, utilizzando youtube non solo per riprendere i nostri eventi istituzionali, ma anche per creare campagne promozionali virali, rivolte sia ai cittadini sia alle istituzioni!

 Ti piace la nostra idea di Ordine 2.0?

Vuoi conoscere quali altre idee abbiamo per l’Ordine in Campania?

Consulta il nostro programma e sostieni i nostri candidati
per il rinnovo del Consiglio dell’Ordine!

Autore: Ada Moscarella

Ada MoscarellaSin da subito, già durante il mio percorso universitario, ho fatto di tutto per fare esperienza diretta in diversi contesti. Questo mi ha aiutato a scegliere con più consapevolezza il mio percorso, che si è concentrato sulla clinica, sulla psicodiagnosi e sulla formazione. 
Negli anni da studente fuorisede all’Aquila ho imparato quanto la condivisione e il lavoro di gruppo siano le principali fonti di speranza e creatività per il professionista. Ho portato questa ferma convinzione anche nella mia vita professionale: sono Tesoriere dell’Associazione Psicologi Campani e Socio Fondatore e VicePresidente dell’Associazione LeGaMi. Gestisco inoltre un blog molto seguito dove racconto la vita dello psicologo libero professionista (#senzacamice). Amo i sistemi, le connessioni: sono costantemente e tenacemente alla ricerca di possibilità. Dalla mia adolescenza un po’ nerd, ho conservato la passione per la matematica, la tecnologia e soprattutto la narrazione. Credo nell’autenticità come base di ogni relazione e nelle relazioni come generatrici di speranza.